Il parere del segretario dei Ds, Filippeschi «Ci vuole più rigore»


EPISODI gravi, che non possono restare senza commento. Sul tema della sicurezza interviene infatti il segretario provinciale dei Democratici di sinistra, Marco Filippeschi. «I fatti di ieri - osserva - possono essere la spia di un fenomeno. Come ho spesso ripetuto le denunce e le sollecitazioni meritano di essere prese sul serio. Pisa ha la vocazione positiva di città accogliente, ma chi non rispetta la legge deve essere sanzionato con rigore. E necessaria la più grande attenzione al problema della sicurezza, evitando che si estendano i fenomeni di microcriminalità e che si creino zone franche in piazze o quartieri. Piazza Vittorio Emanuele è indicativa di una situazione già difficile ma certamente recuperabile se si risponde con gli interventi incisivi che da tempo si richiedono. C'è una preoccupazione giustificata, dunque, ma non servono drammatizzazioni e tantomeno strumentalizzazioni in chiave elettoralistica. Servono l'iniziativa di prevenzione e di repressione, una presenza sul territorio e un coordinamento più forte tra le forze dell'ordine. Il Comitato provinciale per la sicurezza e l'ordine pubblico è chiamato a compiere un monitoraggio continuo della situazione e ad individuare le misure da prendere, rispondendo ad una sollecitazione già forte della comunità locale. I cittadini hanno diritto a vivere e ad operare sicuri. E bene tenere gli occhi aperti e non lasciare correre - ha concluso Filippeschi - perciò i democratici di sinistra si faranno promotori d'incontri per dare ascolto alle valutazioni e alle proposte degli operatori della pubblica sicurezza e assumeranno le iniziative istituzionalii più utili insieme agli altri partiti della coalizione di governo».