La Provincia coordina un progetto promozionale approvato e finanziato dalla Regione Turismo, costa toscana offresi Alleanza fra 5 città


LIVORNO - Il territorio livornese sempre più nell'orbita del turismo mondiale. Cinque Province, altrettanti Comuni e sei Aziende di Promozione Turistica sono scesi infatti in campo per propagandare la bellezza della costa toscana, con la Provincia di Livorno in prima fila, nel ruolo di soggetto attuatore di un progetto elaborato in funzione di tale obiettivo. Progetto, che proprio in questi giorni ha ottenuto l'approvazione della Regione, che concorrerà al 50% nella copertura dei costi di realizzazione. Una costa bagnata da un mare splendido da Massa Carrara a Grosseto, isole comprese, che offre un ventaglio di possibilità capaci di corrispondere ad ogni esigenza: sia per quanto riguarda gli aspetti strettamente ambientali, che quelli culturali ed artistici. Ed allora, si sono prima chiesti gli enti, perché non offrirla e propagandarla nel mondo, offrendo a tutti una irripetibile possibilità di scelta? Perché non ampliare la sua fama, ed in tal modo dare ulteriore impulso al turismo? Così che gli stessi enti locali e le Apt della costa toscana si sono «inseriti» nel "Piano di promozione del prodotto turistico toscano" della Regione.Si sono «inseriti» presentando appunto un loro progetto triennale (1998-2000) alla stessa Regione, che oltre ad avere espresso la sua approvazione, coprirà per metà il costo complessivo che ammonta a 740 milioni. La gara nazionale per dare corso alla prima parte del progetto sarà indetta attorno alla metà del prossimo ottobre. In dettaglio il progetto è articolato in quattro "azioni" che si propongono di superare i fattori di criticità causati da un'offerta prevalentemente balneare; contrastare la tendenza alla contrazione dei periodi di permanenza del turista; superare i problemi dovuti alla scarsa visibilità di territori poco conosciuti; soddisfare le esigenze di chi ricerca offerte diversificate e qualificate; superare i localismi che in alcuni casi portano più danni che benefici. Ma come nasce e in che cosa consiste il progetto triennale approvato e finanziato dalla Regione? «E' il risultato di un'iniziativa collettiva delle Province e dei Comuni di Massa Carrara, Lucca, Pisa, Livorno e Grosseto e delle Aziende di Promozione Turistica di Massa Carrara, Versilia, Pisa, Livorno, Arcipelago Toscano e Grosseto _ ha spiegato l'assessore provinciale Paolo Nanni _ che hanno deciso di puntare ad un obiettivo di promozione complessiva che, giustamente, ritengono più efficace rispetto alle promozioni frammentate zona per zona. Insomma _ ha aggiunto l'amministratore locale _ un conto è "offrire" la costa toscana, altro conto è "offrire" frammenti di essa». «In particolare _ spiega ancora Nanni _ le "azioni" del progetto sono: studio di marketing, realizzazione di un logo e di uno slogan per tutta la costa toscana; realizzazione di materiale pubblicitario, con una guida ai servizi sulla costa, ed una cartografia; iniziative promozionali e campagna stampa rivolta ai tour operator e alla stampa specializzata; attivazione di un numero verde presso il quale sarà possibile ottenere tutte le informazioni all'istante». La prime due "azioni", per un costo di 360 milioni saranno praticamente realizzate entro l'anno. Le altre nel 1999. Le modalità di gestione del progetto approvato dalla Regione sono state definite in un Protocollo sottoscritto dalle Province, dai Comuni e dalle Apt delle costa. Progetto con il quale alla Provincia di Livorno è stato affidato il compito di coordinamento delle iniziative previste dal progetto, il ruolo di stazione appaltante nella gara per l'assegnazione degli incarichi, il compito di mantenere i rapporti col comitato tecnico (già al lavoro) nel quale sono rappresentati tutti gli enti promotori. La scommessa sul turismo anche come volano economico ed occupazionale dunque prosegue. «Una scommessa _ ha detto l'assessore Paolo Nanni _ per vincere la quale stiamo mettendoci tutto il nostro impegno».

Franco Carnieri