De Canio rafforza la difesa piazzando Innocenti e Guzzo su Di Vaio e Artistico Lucchese, pronta la trincea «Due punte ricche di estro guai a mollarle un secondo»


LUCCA - La Lucchese ha pronto un argine. Una diga fatta da difensori arcigni, con marcature strette, per non concedere un attimo di respiro agli attaccanti della Salernitana. Artistico e Di Vaio stanno vivendo un momento di grazia e se i granata sono al secondo posto, gran parte del merito è proprio della coppia d'attacco che è andata a segno ben 15 volte. De Canio ha messo in guardia la squadra, senza comunque caricarla di eccessive responsabilità. Ma sa che all'Arechi sarà la retroguardia il reparto maggiormente sotto pressione e ha studiato le contromosse. Innocenti si ritroverà contro Di Vaio che ha già marcato durante gli anni della Primavera viola. Le loro strade si sono incrociate più di una volta nei campionati giovanili quando militavano, rispettivamente, nella Fiorentina e nella Lazio. «Ho marcato spesso Di Vaio quando ero nella Primavera - dice Innocenti -. L'attaccante sta attraversando un ottimo periodo, insieme a quello di tutta la squadra. Se lo merita dopo la stagione a corrente alternata di Bari. Di Vaio è un amico: siamo stati compagni nell'under 21 e ci siamo visti a cena qualche sera fa. E molto bravo negli spazi stretti, sullo scatto, ed è dotato pure di una buona tecnica. Adesso Rossi lo fa giocare in posizione molto decentrata per riuscire a sfruttare i suoi inserimenti. Artistico ha altre caratteristiche e fa della stazza fisica il suo punto di forza. L'impegno che ci attende si preannuncia difficile, ma se l'affronteremo con la giusta concentrazione ritengo che potremo dispuare una buona gara. Magari facendo tesoro anche degli errori commessi in passato. Certo, la Salernitana è un brutto cliente. I suoi schemi consentono di andare al tiro con grande facilità soprattutto con le punte. E per questo che dovremo stare particolarmente attenti a Di Vaio e Artistico, senza comunque perdere di vista i centrocampisti che spesso si procurano spazi per concludere a rete». Guzzo, che ha molte probabilità di partire titolare, conosce molto bene Artistico «L'ho marcato lo scorso campionato proprio a Salerno - afferma il rossonero -. E uno dei grandi della serie B, come Pisano e Cossato. E furbo, esperto, pure cattivo. E alto e marcarlo non è semplice, specialmente quando si trova in area. E un elemento da tenere sotto stretta osservazione: va sempre a caccia del fallo dell'avversario, confidando nella punizione o nel rigore. Cerca di innervosire il diretto marcatore, sperando che cada nel tranello e si faccia ammonire o espellere. La ricetta per fermarlo? Non mollarlo mai, guai a concedersi distrazioni. Cercheremo di frenare il ritmo della Salernitana. Noi non avremo niente da perdere e questo potrebbe avvantaggiarci. Forse chi rischia di più è proprio la squadra di Delio Rossi».(f.ta.)