I ragazzi di Bruno Nobili a gonfie vele in Coppa


CHI avesse scommesso sulla Maceratese ancora a zero punti dopo tre gare avrebbe vinto tanti soldi. Infatti la formazione marchigiana, nonostante le partenze dei «gioielli» Di Pietro e Campo, può puntare ad un torneo di vertice. Ruolino di marcia - E invece ecco l'inizio tutto in salito. Sconfitta per 1-0 ad Arezzo, `replica' con la Spal e domenica scorsa altra battuta d'arresto per 3-2 a Viterbo. Coppa Italia - Meglio le cose in questo torneo. I biancorossi guidano il loro girone con 9 punti e praticamente hanno staccato il biglietto per la seconda fase. La squadra - Undici i volti nuovi che sono andati ad affaiancare il nucleo storico composto da Carillo, Consorti, Colantuono, Valentini. L'allenatore - E` Bruno Nobili, ex `genietto' dal tiro al fulmicotone del Pescara anni '80, già sulle panchine di Gualdo, Francavilla e Chieti. Personaggi - Due su tutti: Stefano Colantuono, difensore, 35 anni, paragonato in gioventù a Vierchowod, con 130 presenze in A tra Pisa, Avellino, Como ed Ascoli e Giuseppe Carillo, centrocampista, 32 anni, che ha giocato in A con Ascoli e Torino collezionando 120 presenze. Formazione - Probabile che Nobili, la cui panchina è a rischio, presenti qualche novità a livello di uomini. Di sicuro Mercuri dovrebbe essere preferito in attacco a Fida. Precedenti - Maceratese e Viareggio si sono incontrate 10 volte. Il bilancio è a favore delle zebre che hanno vinto 5 volte (tutte in casa) contro una sola volta deio marchigiani. Il punteggio più tondo un 4-1 che i bianconeri inflissero agli avversari nel 71-72 firmato da Piaceri (2), Noris e Cavallito.L' AVVERSARIA

Massimo Guidi