Il segretario Pds conferma in tv l'acquisto dello yacht «Ikarus» D'Alema: «La vela è per tutti»


ROMA - «La barca è una passione che mi coinvolge molto. E' una forma di rapporto con il mare e con la natura. Non è vero che questa passione possano permettersela solo persone ricche». Sul palco del Maurizio Costanzo show, Massimo D'Alema s'infervora parlando di vela, di vento, di onde («Andare in barca è molto, molto, molto più divertente della politica», dice, con gli occhi che brillano). E in qualche modo il leader della Quercia se ne sta un po' sulla difensiva, quando Costanzo, sornione, gli chiede di parlare della sua nuova barca. «La vela non è una prerogativa dei ricchi. Io vado a vela da 20 anni e ho cambiato diverse barche con un consorzio di amici. Questa è dell'82, bella, con una sua nobiltà». Il nuovo acquisto di D'Alema, lo scafo Ikarus, come ha scritto il nostro giornale domenica scorsa, è lungo 15 metri e mezzo ed ha un valore sul mercato dell'usato intorno ai 450 milioni. Sabato scorso, pantaloncini corti e scarpe di gomma, D'Alema è salpato dal porto di Viareggio, al timone della barca, incurante del violento libeccio. Alla capitaneria di porto versiliese Ikarus - che viene dai cantieri scandinavi ma è stato rimesso a nuovo a Viareggio - risulta intestato a due conoscenti del segretario pds: Roberto De Santis e Vincenzo Morichini. Ma c'erano ben pochi dubbi che a questi nomi dovesse essere aggiunto quello di D'Alema. La conferma è arrivata dal leader. «Comprendo la curiosità dei giornalisti - ha detto, nel salotto di Costanzo - ma non mi sembra una cosa straordinaria praticare l'hobby della vela». Incalzato dal presentatore, D'Alema ha poi affermato di non aver mai parlato di vela con Berlusconi: «Non credo che abbia la mia stessa passione». «Il mare - ha aggiunto - ci insegna che ci sono forze della natura che non possono essere vinte, che bisogna conoscere. Tu sai che non puoi andare controvento, ma sai pure che piegandoti di 30 gradi puoi risalire il vento. Questo è un insegnamento per la vita: se non ti curvi non vinci». Ha poi citato una frase tratta dal libro «Il Tao e la barca»: «La linea curva del navigatore non sarà spezzata».1T4 1T4PO LLIGIO LLI31P LTVB1O LTV00P IVO21Q 0/0 6/1 NVE01A 0/2.2 1+1.4R/17 C1 FIL01X 1+1.4R/1.1 /16.3 NVE02A 1+1.4R/2.2 2+2.8R/17 C1 FIL02X 2+2.8R/1.1 /16.3 NVE03A 2+2.8R/2.2 3+4R/17 C1 FIL03X 3+4R/1.1 /16.3 NVE04A 3+3.11R/2.2 4.5/17 C1 NVE05A 0/18.2 1+1.4R/29.3 C1 FIL05X 1+1.4R/17.1 /29.3 NVE06A 1+1.4R/18.2 2+2.8R/29.3 C1 FIL06X 2+2.8R/17.1 /29.3 NVE07A 2+2.8R/18.2 3+4R/29.3 C1 FIL07X 3+4R/17.1 /29.3 NVE08A 3+3.11R/18.2 4.5/24.2 C1 NVE09A 3+3.11R/26 4.5/29.3 C1 FIL10X 4.5/1.1 /29.3 NVETRA 4.5/4 6/18.3 C1 NVE1RA 4.5/19 6/28 C1 LTVFFA 4.5/28.1 6/30 C1 & LVOORT 1/30 5/31 LA3ORA 0/31 6/36 MBSD LA3ORX 0/30.1 6/36 LVOORO 0/31.2 6/36 X