Brexit, cittadini in piazza il giorno dopo il 'no' del Parlamento: "Piano B o torniamo a votare"

video "Sarà il collasso del Regno Unito, devono stoppare la Brexit", "Siamo orgogliosi degli europei ma non dei controlli e della legislazione dell'Unione europea", "Annulliamo il voto e restiamo in Europa": il giorno dopo la bocciatura dell'accordo negoziato con l'Ue, le voci dei cittadini davanti al palazzo di Westminster, sede del Parlamento del Regno Unito, per "difendere la democrazia". C'è chi vuole restare in Europa revocando l'articolo 50 del trattato di Lisbona (che definisce la procedura per lasciare volontariamente l'Unione), chi chiede di negoziare condizioni migliori, "un piano B, ma non quello del Governo che sarebbe un disastro" e chi, infine, di andare nuovamente al voto. di Alessandro Allocca

Brexit, Farage: "Prevedo un nuovo referendum e per noi sarà ancora più facile vincerlo"

video "Quello che dovremmo fare adesso sarebbe lasciare l'Unione senza un accordo e tornare una nazione indipendente, ma penso che ci sarà una spinta per prolungare i negoziati e si arriverà a un nuovo referendum. Per noi sarà ancora più facile fare campagna elettorale contro una classe politica che non ha rispettato il volere del popolo". Così il protagonista della vittoriosa campagna per la Brexit, l'eurodeputato Nigel Farage, parlando al parlamento europeo dopo che la Camera dei Comuni britannica ha respinto l'accordo raggiunto tra la Commissione Europea e il governo inglese per gestire l'uscita della Gran Bretagna dall'Unione.Parlando ai microfoni di Repubblica Tv, Farage respinge la responsabilità di aver sottovalutato il caos che la Brexit avrebbe prodotto e sull'annunciata fuga di capitali dal paese in caso di un'uscita disordinata dalla Ue dice: "Dovremmo ignorare i consigli delle grandi aziende che spesso si sbagliano. La verità è che un'autentica Brexit sarebbe un esempio per il resto dell'Europa, per tornare a un continente di stati liberi e indipendenti". di Marco Billeci

Tuffi? Sì, ma nella neve: l'allenamento particolare dei nuotatori della Nazionale a Livigno

video Ai tuffi sono decisamente abituati, ma quelli nella neve sono straordinari persino per loro: gli atleti della Nazionale italiana di nuoto si trovano a Livigno (in provincia di Sondrio) per un periodo di allenamento e non hanno resistito alla tentazione di buttarsi a capofitto nella coltre bianca che circonda la piscina, postando i video sui profili Instagram. In questi giorni a Livigno si sono registrate nevicate particolarmente abbondanti: in un post pubblicato il 14 gennaio sulla pagina Facebook ufficiale della città valtellinese si legge "81 cm in valle e 193 in quota. E continua a nevicare". a cura di Lucia Landoni,video: Instagram / Alessandro Mirelli

E 45, sequestro del viadotto Puleto per rischio crollo: così si sgretolano i piloni

video Il viadotto Puleto, nel comune di Pieve Santo Stefano, al confine tra Toscana e Romagna sulla E45, è stato sequestrato dalla Procura di Arezzo per rischio collasso. Il video ripreso con un cellulare e pubblicato nel dicembre 2018 su Facebook da Massimo Tizzi, ex poliziotto in pensione, aveva denunciato lo stato dei piloni in cui si era imbattuto mentre raccoglieva funghi. video Massimo Tizzi / Facebook

Svizzera, esplosioni contro rischio valanga: muro di neve viene fatto piombare a valle

video E' una valanga impressionante quella piombata nella Bassa Engadina, tra Martina e Samnaun, in Svizzera. Secondo quanto confermato dalla tv pubblica Rsi, si tratta di un fenomeno innescato artificialmente per scongiurare il rischio di un evento improvviso e potenzialmente catastrofico. L'allarme valanghe nelle Alpi Svizzere è ancora critico - livelo 5 ovvero il più elevato - a causa delle abbondanti nevicate dei giorni scorsi. La situazione, che dovrebbe vedere un lento miglioramento, resta in costante monitoraggio. video Riki.Anna / Facebook