Aspettando la Barcolana: il primo sabato tra le vele

photo

Il primo sabato di Barcolana, quello del 6 ottobre, è stata un po' rovinato dal matempo che da questa mattina è piombato in città. Ma nonostante la pioggia, la kermesse non si è arrestata. Sono stati 80 gli stand delle Rive, dalla Stazione Marittima al Molo Audace, che hanno aperto i battenti questa mattina. Il golfo triestino ha accolto le magnifiche barche d'epoca, ma soprattutto i giovani regatanti che, dopo qualche ora di attesa per il vento hanno partecipato alla Barcolana Young e alla Barcolana Fun by Siram by Veolia - Campionato Italiano per Club Under 19 della Lega Italiana Vela. Quasi cinquecento sono i ragazzi arrivati da tutta Italia per partecipare alla Barcolana Young che ha annunciato ieri la partnership, oltre che con la Fondazione CRTrieste, con Alma Pallacanestro Trieste. La mattinata di sabato inoltre ha visto protagonista lo stand e il pattugliatore della Guardia Costiera, visitabili ogni giorno. Gli appuntamenti di domenica 7 ottobre li trovate qui: http://www.barcolana.it/Calendario. Foto di Andrea Lasorte e Massimo Silvano

Tartarughe marine, record di nidi su una spiaggia del Livornese

video Tartarughe marine, è record di nidi sulla spiaggia di Santa Lucia a Castiglionello, nel comune di Rosignano Marittimo, a Livorno. A tredici giorni dalla prima deposizione di uova ieri, giovedì 9 agosto, i volontari dell'associazione Tartamare e dell'Acquario di Livorno, coordinati dalla Guardia Costiera, hanno trovato un secondo nido di tartatuga marina della specie caretta caretta. Ora i volontari, che hanno provveduto a recintate entrambi i nidi, monitoneranno la zona fino alla schiusa, prevista per settembre. video di Chiara Tarfano

Troppe barche, a sud di Procida aliscafi costretti a fare slalom

video Slalom obbligato tra le barche e occhi aperti dei comandanti: un video documenta il consistente traffico di diportisti a sud di Procida durante i week end, quando le unità della compagnia marittima Alilauro sono costrette da un’ordinanza del Circomare Procida a percorrere una rotta alternativa, visto il divieto di navigazione nel canale di Procida abitualmente percorso. “La rotta imposta alle unità veloci a sud di Procida attraversa in estate specchi d’acqua presi d’assalto dai diportisti, costeggiando arenili affollati e includendo anche un tratto dell’area marina protetta - spiega Mariaceleste Lauro, amministratore delegato di Alilauro - e si traduce, inoltre, in un aumento dei tempi di percorrenza delle unità, di cui non siamo naturalmente responsabili. E’ per questo che continuiamo a chiedere alla Guardia Costiera di rivedere l’ordinanza, che non tutela l’esigenza di sicurezza per i nostri viaggiatori”. La compagnia Alilauro ha così chiesto un tavolo tecnico finalizzato a rivedere l’ordinanza in oggetto, senza che naturalmente sia pregiudicata in alcun modo l’esigenza di sicurezza. Video Alilauro

San Fruttuoso, i sub delle forze dell'ordine ripuliscono il Cristo degli Abissi

video

Operazione “maquillage” per la statua del Cristo degli Abissi, bene culturale tutelato dalla Soprintendenza che è stata interessata, nella giornata di ieri, dalle operazioni subacquee di conservazione. All’intervento, ideato e coordinato dal Servizio Tecnico di Archeologia Subacquea (STAS) dalla stessa Soprintendenza insieme ai Vigili del Fuoco che hanno messo a disposizione i mezzi tecnici, hanno partecipato i Nuclei Sommozzatori della Guardia di Finanza, dei Carabinieri, della Guardia Costiera, della Polizia di Stato (CNES), della Marina Militare (COMSUBIN). Un'operazione molto particolare, senza aggravio di spesa per la collettività, che si inserisce nelle previste esercitazioni di tutte le forze coinvolte, che sono tenute a mantenere costante il livello dell'operatività subacquea in vista di possibili emergenze. Tra le novità il fatto che, per la prima volta quest’anno hanno partecipato anche i biologi marini subacquei dell’ARPAL (Agenzia Regionale Protezione dell’Ambiente Ligure), specialisti nello studio e tipizzazione del biofouling che si insedia sulla superficie bronzea della scultura.(di Fabrizio Cerignale)

Maxi operazione della Guardia costiera contro la pesca illegale

video Ventimila metri quadrati di mare passato ai raggi x in una notte e 11mila metri di reti spadare sottoposte a sequestro. E' l'ultimo intervento della nave Bruno Gregoretti della Guardia Costiera impegnata già da alcune settimane in una mega operazione contro la pesca illegale. "Utilizzando queste reti oltre a frodare lo stato – spiega il comandante della nave Carmine Berlano – causano ingenti danni all’ecosistema marino". Ma sfuggire ai controlli è sempre più difficile. "I controlli sono stati intensificati, anche con l’ausilio di nuove tecnologie, ed è veramente difficile farla franca". Il comandante è un uomo tutto d’un pezzo. "Ho scelto di fare questo lavoro per passione. Per stare qui – racconta - ho fatto molte rinunce e sacrifici, ma ogni volta che guardo l’orizzonte capisco che è stata la scelta giusta. Sa perché? Perché tutelare l’ambiente significa lavorare per il bene dei nostri figli. Quando sto in missione penso a mio figlio di nove anni, penso che sto lavorando anche per il suo bene".Video di Vincenzo Rubano