Europa, Salvini: "Banche e migranti? Me ne frego di Bruxelles"

video "Un colpo di telefono alla Guardia Costiera e si dice che col governo Salvini si salvano tutti ma non ne sbarca più uno. Bruxelles si lamenta? Me ne frego di Bruxelles". Il segretario della Lega Nord Matteo Salvini, ad Arezzo davanti alla vecchia sede di Banca Etruria, dice: "Mi impegno con barconi e aerei a riportare in Africa questa gente". Anche sulle banche l'atteggiamento verso l'Unione Europea non cambia: "Se dovessi diventare premier, la prima cosa che farei sarebbe di a Bruxelles a dire che la direttiva sulle banche che ha massacrato migliaia di risparmiatori per noi non esiste".

Migranti, le testimonianze: "Fuggiti tre volte dall'orrore libico, sempre intercettati in mare"

video Sulla Aquarius della Ong di Sos Méditerranée i racconti dei motivi della fuga dalla Libia si assomigliano tutti: mesi e anni di detenzione e schiavitù, torture e un riscatto come unica possibilità per ritrovare la libertà, nella speranza di lasciare il Paese imbarcandosi in un pericolosissimo viaggio verso le coste italiane. Ma per moltissimi l'illusione della salvezza svanisce ore dopo l'inizio del viaggio, a bordo di precarie imbarcazioni, per via degli intercettamenti da parte della Guardia Costiera Libica ufficiale o di miliziani interessati a reinserirli in prigioni private e nell'atroce mercato degli schiavi. di Fabio Butera

Sos Mediterranee: ''Migranti intercettati da Guardia libica ritornano nel mercato di esseri umani''

video In occasione dello sbarco di 450 migranti al Porto di Augusta il Search and Rescue Coordinator di Sos Mediterranee Nicola Stalla racconta degli episodi in cui la Guardia Costiera libica interviene nei salvataggi in acque internazionali sopraggiungendo prima della Ong italo -franco-tedesca: ‘Osservando le procedure di soccorso della guardia costiera libica è evidente che non rispettino i criteri di sicurezza necessari. E dalle testimonianze di persone soccorse da noi, sappiamo che molti ritentano la traversata dopo essere stati intercettati da motovedette libiche, chiusi in centri di detenzione e reinseriti nel circuito del traffico di esseri umani’di Fabio Butera

Maltempo: urto tra due traghetti nel porto di Napoli

video Forti raffiche di vento e difficoltà nei collegamenti marittimi. Così, nel porto di Calata di Massa, a Napoli, si sono vissuti attimi di apprensione per via dell’urto fortuito di due traghetti della compagnia Caremar, il Driade e l’Isola di Capri, ormeggiati in banchina. Nessun ferito, ma il sinistro – sulla cui dinamica indaga la Guardia Costiera di Napoli - ha causato non pochi danni alle unità, con la soppressione forzata di alcune corse da e per le isole del golfo.Pasquale Raicaldo- video Il dispari

Migranti, 600 sbarchi a Messina, l'Unhcr: "Casi di abusi fisici e sessuali"

video Lo sbarco, a Messina, di più di 600 migranti salvati nel corso di cinque diverse operazioni di soccorso al largo della Libia e convogliati sulla nave della Guardia Costiera Diciotti. Tra loro, come ha spiegato il funzionario dell'Agenzia delle Nazioni Unite per i Rifugiati Marco Rotunno, ci sono una novantina di minori non accompagnati. "Le condizioni generali sono buone ma abbiamo ascoltato donne e minori che parlano di abusi fisici e sessuali, e abbiamo riscontrato segni di tortura"

Strage Lampedusa, Gatti: "Secondo il gip 268 persone potevano essere salvate"

video "Omissione di atti d'ufficio e omicidio colposo": il giudice per le indagini preliminari boccia l'archiviazione dell'inchiesta sul naufragio dei bambini e con queste accuse dispone "l'imputazione coatta" e il "processo immediato" per un uomo della Marina e uno della Guardia costiera. Nuove prove dei ritardi nei soccorsi alla barca affondata a 70 miglia da Lampedusa vengono dal docufilm "Un unico destino". Il gip ha anche chiesto un "supplemento d'indagine" per la comandante Katia Pellegrino, chiamata in causa da un ricognitore maltese mentre sostava con la 'Libra' a mezz'ora di navicazione dall'imbarcazione. Nel naufragio morirono 268 persone tra cui 60 bambini..il commento di Fabrizio Gatti

Scozia, il cagnolino sta per annegare: il salvataggio della Guardia Costiera

video Un cane è stato salvato quando stava per annegare, dopo 40 minuti in acqua. L'animale era stato avvistato da un elicottero che stava effettuando un'esercitazione nel Moray Firth, un fiordo nella parte nord-est della Scozia. Poi l'intervento con il gommone. "La sua padrona lo aveva perso di vista - hanno raccontato i soccorritori - si era buttato in mare e stava per annegare, ma adesso sta bene"