Febbraio: venti di guerra in Ucraina

Sabato 1 Raffaele Sollecito viene fermato in un hotel di Venzone dove si era fermato assieme a un'amica dopo una gita in Austria. Era stato da poco condannato a 25 anni nel processo d'Appello bis per l'omicidio di Meredith. Condannata come lui Amanda Knox, che però resta negli Stati Uniti.

Febbraio: venti di guerra in Ucraina

Sabato 1 Raffaele Sollecito viene fermato in un hotel di Venzone dove si era fermato assieme a un'amica dopo una gita in Austria. Era stato da poco condannato a 25 anni nel processo d'Appello bis per l'omicidio di Meredith. Condannata come lui Amanda Knox, che però resta negli Stati Uniti.

Kiev non si ferma, battaglia nelle città

KIEV I filo-russi liberano dopo otto giorni gli osservatori militari dell’Osce proprio mentre Kiev stringe l’assedio su Sloviansk, bastione della protesta separatista, allungando il bollettino di guerra: 5 morti e 12 feriti tra le forze ucraine; 15 vittime tra le file dei ribelli, di cui 4

Kiev non si ferma, battaglia nelle città

KIEV I filo-russi liberano dopo otto giorni gli osservatori militari dell’Osce proprio mentre Kiev stringe l’assedio su Sloviansk, bastione della protesta separatista, allungando il bollettino di guerra: 5 morti e 12 feriti tra le forze ucraine; 15 vittime tra le file dei ribelli, di cui 4

Multe e stalli blu, l’Anci non molla

di Fiammetta Cupellaro wROMA Multa o non multa? Pago o non pago? Da giorni, i vigili urbani di tutti i comuni e gli automobilisti di ogni Regione si pongono la stessa domanda. Uno davanti all’altro aspettano che sindaci e ministero dei Trasporti si mettano d’accordo sulle gestione del paga

Rivolta contro la nomina di Gentile

di Gabriele Rizzardi wROMA «La vicenda di Antonio Gentile non mi sembra edificante e mi sembra inopportuna la sua permanenza al governo». Contro la nomina del nuovo sottosegretario alle Infrastrutture, accusato di aver impedito la pubblicazione sull’Ora della Calabria di un articolo su un’

Debora vice di Renzi con Guerini

di Marco Ballico wTRIESTE Nella segreteria del Pd ridisegnata dal blitz di Matteo Renzi a Palazzo Chigi, Debora Serracchiani pare trovare sempre più spazio ai piano alti. Il tam-tam parlamentare, ieri sera, rafforzava le voci di un “ticket” con Lorenzo Guerini, l’ex sindaco di Lodi portavo

Task force sul caso marò. India più morbida

NEW DELHI L’India abbandona la legge antiterrorismo nel caso marò, scacciando per sempre lo spettro, seppur remoto, di una condanna a morte per i due militari. Dopo oltre due anni dall’incidente che vede coinvolti Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, il governo di New Delhi ieri ha com

La sfida di Yulia: tenere unito il Paese

di Natalia Andreani wROMA Destitutito Viktor Yanukovich, ormai in fuga da 72 ore, il parlamento ucraino ha eletto Oleksandr Turchynov presidente fino alle nuove lezioni, già indette per il 25 maggio. E nella prima intervista alle tv Turchynov si è subito rivolto a Putin: «Siamo pronti al d

Tasse e crescita, subito i test più delicati

ROMA La crisi economica che inizia ad arretrare, o almeno così sembra da primi deboli e contraddittori segnali macro, pone i temi economici al centro dell’azione del nuovo esecutivo. L’intervento più importante, neanche a dirlo, sarà quello di Pier Carlo Padoan che, ancora in volo da Sidne

La nuova vita glamour del parka

di Manuela Pivato wMILANO Le donne sono al potere ma non si logorano. Ermanno Scervino dedica a loro (incluse quelle del nuovo governo) la sua passerella che, nel quarto giorno di sfilate milanesi, ha visto rovesciati ruoli e destinazioni d’uso. Ecco che la sottoveste è di persiano, il par

Yanukovich in fuga, Tymoshenko libera

di Natalia Andreani wROMA «La dittatura è caduta. Ed è caduta non grazie ai politici e ai diplomatici, ma grazie a coloro che sono scesi in strada riuscendo a proteggere le loro famiglie e il loro Paese». Si può riassumere con le prime parole pronunciate da Yulia Tymoshenko nel pomeriggio

«Siete gli eroi che hanno salvato il Paese»

ROMA È arrivata in piazza a Kiev su una sedia rotelle al grido di «Ucraina libera!». Ed è stata un’accoglienza trionfale quella che gli almeno cinquantamila manifestanti radunati a Maidan hanno riservato a Yulia Tymoshenko, finalmente libera dopo anni di accuse e di prigionia e «già pronta