Genova, crollo ponte Morandi: i mezzi abbandonati dagli automobilisti in fuga

video La fila di auto e camion - alcuni con i fari accesi - abbandonati subito dopo il crollo del ponte Morandi. Ancora in moto e con i tergicristalli funzionanti anche il camion divenuto il simbolo del disastro, che si è fermato sul ciglio di uno dei due tronconi del viadotto spezzato. È lo scenario che si vede dal Santuario di nostra Signora incoronata, sulla collina di Coronata, nel quartiere di Cornigliano, nel ponente cittadino. Sullo sfondo le case popolari che dovranno essere abbattute nei prossimi mesi. Il ministro dell'Interno Matteo Salvini ha assicurato che per tutti gli occupanti verrà trovata una sistemazione nel più breve tempo possibile. video di Alessandro Contaldo

Messina, flash mob con le mani rosse per contestare Salvini

video In fila, con le mani alzate e tinte di rosso: è stato accolto così Matteo Salvini, arrivato a Messina con una motovedetta, andato via in macchina alle 20. All’uscita dell’incontro previsto alla base navale di San Raineri, un centinaio di persone ha manifestato mostrando le mani rosse “per ribadire a Salvini che non vogliamo altro sangue nel Mediterraneo”. In fila, in attesa del ministro degli Interni, 12 tra associazioni e circoli. Una protesta pacifica alla quale hanno preso parte panche l’ex sindaco Renato Accorinti, il consigliere comunale del Pd Alessandro Russo, esponenti di Articolo uno e il fumettista Lelio Bonaccorso. “Soccorrere chi scappa è un dovere. Le nostre mani sono macchiate del sangue di quelli che non abbiamo salvato, dei naufraghi di cui non sapremo mai il nome e dei respinti in mare riconsegnati ai loro aguzzini”, ha voluto sottolineare Palmira Mancuso, giornalista e promotrice della protesta, alla quale hanno aderito gli esponenti della politica e della società civile. L’appello è stato sottoscritto da Circoli Arci, Libera, Ufficio Migrantes della Caritas diocesana, Cambiamo Messina dal Basso, Prc, Nuovi orizzonti, Fpa Si Cobas, Anymore Onlus e l’Anpi.(a cura di Manuela Modica)

Rom e Sinti in piazza Montecitorio: "Contro di noi clima di odio e razzismo"

video In ricordo dello sterminio contro la comunità rom e sinti avvenuto il 2 agosto 1944 nel lager di Auschwitz-Birkenau, la rete Alleanza Romanì e diverse associazioni per i diritti umani insieme anche alla Cgil Nazionale, di Roma e Lazio hanno organizzato in piazza Montecitorio un presidio per denunciare il clima discriminatorio che le comunità stanno vivendo in questo periodo."Siamo qui per dire no alla violenza e al razzismo oltre che ricordare la data del 2 agosto del 1944 quando oltre tremila rom morirono nei campi di concentramento di Auschwitz", afferma il musicista e professore rom Alexian Santino Spinelli."Quello che sentiamo sulla nostra pelle è una violenza psicologica e fisica. Non c'è un rom in Italia che oggi non si preoccupa per la propria sicurezza", denuncia l'attrice e attivista serba Dijana Pavlovic che insieme alla rete Allenza Romanì ha scritto una lettera, fino ad oggi senza risposta, al ministro dell'Interno Matteo Salvini e al ministro con delega alle politiche sociali Luigi Di Maio con il fine di aprire un tavolo di confronto e avviare un dialogo per l'integrazione della comunità che in Italia è di circa 25 mila persone. di Martina Martelloni

Tav, Toninelli: "Da Salvini opinioni personali, decideremo dopo analisi tra costi e benefici"

video Il ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli risponde al collega di governo e leader della Lega Matteo Salvini che nei giorni scorsi aveva auspicato l'avanzamento dei cantieri per la linea dell'alta velocità Torino-Lione, dopo le voci di un possibile stop al progetto da parte del governo Conte. E sull'ipotesi di un referendum sull'opera ventilata dal presidente del Piemonte Chiamparino, Toninelli spiega: "Il governatore deve avere pazienza, Macron ha chiesto una valutazione sull'opera che è arrivata dopo otto mesi, io sono al ministero solo da cinquantacinque giorni". Video di Marco Billeci  

Migranti, Di Maio: "Non c'è allarme razzismo in Italia, solo strumentalizzazioni"

video "Non credo ci sia un allarme razzismo, si sta usando questo argomento perché chi vuole sentirsi di sinistra, e non lo è più, lo usa per accusare Matteo Salvini di essere di estrema destra". Così il vicepremier e ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico, Luigi Di Maio, commenta a 'Omnibus' su La7 l'aggressione subita da Daisy Osakue, campionessa azzurra di origine nigeriana

Tav, Fraccaro (M5s): "C'è una sola linea, quella del contratto di governo"

video "Sulla Tav la linea rimane quella del contratto di governo, si faranno tutte le analisi del caso e poi decideremo". Così entrando a Palazzo Chigi il ministro per i Rapporti con il Parlamento Riccardo Fraccaro risponde sulle indiscrezioni di stampa secondo cui il Movimento 5 Stelle spingerebbe per bloccare il progetto della linea ad alta velocità Torino-Lione. I 5s hanno sempre appoggiato i movimenti No Tav, mentre il vicepremier e ministro dell'Industria Matteo Salvini si è dichiarato più volte contrario allo stop e lo ha ribadito anche questa mattina in radio. di Marco Billeci

Stupro a Reggio Emilia, il video dell'arresto

video REGGIO EMILIA Come anticipato dal ministro dell'Interno Matteo Salvini, la squadra mobile della polizia di Reggio Emilia, nelle scorse ore, ha fermato un uomo, straniero, indiziato della violenza sessuale nei confronti di una 24enne reggiana in via Petit Bon. Sono in corso accertamenti sulla posizione dell'uomo da parte degli agenti e del procuratore Giulia Stignani.Si era rintanato in un rifugio di fortuna, in una zona campestre e isolata, l'uomo rrestato con l'accusa di aver violentato una ragazza a Reggio Emilia.LEGGI L'ARTICOLO ---> Clicca qui

Migranti, Gatti (Open Arms): "Italia non è un porto sicuro. La nostra ricostruzione è documentata"

video Open Arms si dirige verso la Spagna, con a bordo Josefa e i due cadaveri recuperati ieri nel Mediterraneo. "Non riteniamo l'Italia un porto sicuro per noi e per la serenità di Josefa", afferma Riccardo Gatti della Ong spagnola. L'Italia, racconta Gatti, aveva offerto il porto di Catania, ma solo per lo sbarco della sopravvissuta. Sulle dichiarazioni di Matteo Salvini che ha bollato come fake news la ricostruzione di Open Arms che accusa le motovedette libiche di aver abbandonato migranti in mare, Gatti risponde: "Abbiamo documentato tutto, abbiamo sentito le conversazioni avvenute via radio". di Giorgio Ruta

Legittima difesa, Bonafede (M5s): "Impegni di Salvini con lobby armi? Non c'entrano con progetto di legge"

video Il ministro M5s della Giustizia Alfonso Bonafede commenta le notizie rivelate da Repubblica circa gli impegni sottoscritti durante la campagna elettorale dal ministro dell'Interno Matteo Salvini con associazioni che rappresentano gli interessi dell'industria delle armi. Un fatto che assume particolare rilevanza alla luce del fatto che proprio in queste ore in Senato si inizia a discutere il disegno di legge per riformare la legittima difesa. Bonafede rifiuta di mettere in connessione le due circostanze e prende le distanze da Salvini, secondo il quale di fronte a un'effrazione del proprio domicilio il cittadino ha sempre il diritto di sparare. Secondo il ministro: "La riforma della legittima difesa non porterà a un aumento dell'uso delle armi, si tratta di permettere a chi ha sparato sotto minaccia di poterlo dimostrare senza attraversare il calvario dei tre gradi di giudizio". di Marco Billeci

Migranti, Di Maio su caso Diciotti: "Mattarella ha sbloccato la situazione ma non è partita di calcio"

video E' quanto ha detto il vicepremier Luigi Di Maio arrivando all'assemblea annuale di Coldiretti a Roma in merito alla vicenda dei 67 migranti sbarcati dalla nave della Guardia Costiera Diciotti a Trapani. Uno sbarco che ha generato uno scontro istituzionale tra il ministro dell'Interno Matteo Salvini e il capo dello Stato Sergio Mattarella."Il presidente della Repubblica con il suo intervento ha sbloccato una situazione - ha detto Di Maio - nella quale era giusto chiedere garanzie che si perseguissero quelli che si erano comportati male". "Se si trasmette un messaggio di impunità - continua il ministro del Lavoro - alla fine il governo perderà credibilità. Salvini ha esagerato? Ve lo dico con il cuore: a me non frega niente se ha esagerato o no"di Francesco Giovannetti

Diciotti, l'ingresso al porto di Trapani e l'inversione di rotta

video Intorno alle 11 sembrava stesse per concludersi il caso Diciotti, con la nave visibile all'imbocco del porto di Trapani. Ma poi l'imbarcazione della Guardia costiera ha ricevuto improvvisamente l'ordine di fare marcia indietro e di rimanere in rada. La Diciotti, in queste ore, si trova al centro di un braccio di ferro politico, con il ministro dell'Interno, Matteo Salvini che continua a chiedere le manette per i migranti che avrebbero messo in pericolo l'equipaggio del mercantile che li aveva salvati nel Mediterraneo. Nel primo pomeriggio fonti del Ministero dei trasporti hanno poi confermato l'attracco al porto della città siciliana(di Giorgio Ruta)