Forza Italia, Carfagna attacca: "Sudditanza psicologica con sovranisti ci danneggia e non ci rappresenta"

video "Di Forza Italia mi fa rabbia la sudditanza psicologica nei confronti del sovranismo". Mara Carfagna, intervenendo al festival de Linkiesta a Milano, parla del futuro del centrodestra, di Forza Italia e dei suoi rapporti con Italia Viva di Matteo Renzi. "Una manifestazione aperta da una signora che dice di voler uscire dall'Euro e che - ha continuato riferendosi a Giorgia Meloni durante la manifestazione del centrodestra dello scorso 19 ottobre - dice di voler mettere sotto con l'auto Greta Thunberg non mi rappresenta". Il nostro rapporto con Renzi? "Giochiamo in campi diversi e lui sostiene un governo con 5 Stelle e Leu - ha detto Carfagna - e la mia ambizione è quella di costruire un centrodestra ampio e non autoritario". "Ho molto rispetto per il suo percorso", ha concluso a mo' di battuta, ma se "lascia un governo di sinistra sinistra, allora "Forza Italia Viva" potrebbe essere una opzione. Video di Andrea Lattanzi

Leopolda 10, arriva Lele Mora: "Mi ha invitato Matteo Renzi, ma sono mussoliniano"

video L'ex agente del mondo dello spettacolo è arrivato alla convention fiorentina. "Sono venuto a salutare Renzi. Io sono mussoliniano ma la simpatia di un amico non si discute. Renzi mi ha invitato, ha detto vieni a salutarci e sono venuto", ha detto ai cronisti. Mora ha aggiunto che non prenderebbe la tessera del nuovo partito: "No, niente tessere. Se è la nuova Forza Italia? Beh, lo spero per Renzi". Video di Cristina Pantaleoni e Giulio Schoen

Leopolda 10, in tantissimi rimangono fuori dai cancelli

video E' dovuta intervenire anche la polizia per sedare gli animi dei supporter di Matteo Renzi giunti alla Leopolda da tutta Italia. In tantissimi infatti, dal palco dicono in 2000, sono rimasti fuori dai cancelli della stazione Leopolda, dove si sta svolgendo la kermesse politica di Matteo Renzi e il suo nuovo partito Italia Viva.Di Cristina Pantaleoni e Giulio Schoen

Firenze, via alla Leopolda 10: bagno di folla per Matteo Renzi

video Prende ufficialmente il via la decima edizione della Leopolda. Bagno di folla per Matteo Renzi alla Leopolda 10. Il leader di Italia Viva è partito dalla ex stazione di Firenze e a piedi ha raggiunto a fatica il palco, fendendo due ali di folla entusiasta, rallentato anche dalla ressa di giornalisti e fotoreporter. Il senatore ex Pd è stato abbracciato e baciato da moltissime persone e ha firmato autografi lungo il cammino. Di Cristina Pantaleoni e Giulio Schoen

Firenze, cancellato il murale di TvBoy dedicato all'Europa

video Cancellato "European Parliament School Report”, il murale realizzato in via de' Bardi, nei pressi di Ponte Vecchio a Firenze, dallo street artist TvBoy. L'opera ritraeva un bambino africano, in viaggio su una barca di carta, mentre mostra una pagella, in cui dà i suoi voti al Parlamento Europeo sul grado di ospitalità, umanità, solidarietà, ma anche ipocrisia. Ma è scomparsa nel giro di poche ore, dopo un intervento della polizia municipale. Durante un blitz notturno lo street artist di fama internazionale, diventato celebre con l'opera del bacio fra Di Maio e Salvini, aveva realizzato altri due murales: uno dedicato a Matteo Renzi ritratto come uno zombie, nei pressi della Leopolda dove fino a domenica si terrà l'evento organizzato dall'ex premier. E un altro in piazza della Repubblica, “I Fought for Freedom”, dedicato alle donne curde, attiviste e combattenti, morte in guerra..

Duello tv, Sala: "Meglio Renzi, Salvini mi sembrava un Berlusconi meno simpatico"

video Il giorno dopo il confronto a 'Porta a porta' tra Matteo Salvini e Matteo Renzi, il sindaco di Milano Giuseppe Sala a margine dell'evento 'Lifegate' commenta: "Secondo me è andato meglio Renzi, certamente meglio Renzi. Salvini coi cartelli mi sembrava un Berlusconi meno simpatico. Continua con gli sbarchi, eccetera eccetera. Però in quel dibattito di politica industriale e di ambiente non si è parlato. Credo serva altro, Renzi mi sembra che abbia comunque fatto uno sforzo in più per pensare al futuro del Paese". (Video: Ansa)

Matteo Salvini vs Matteo Renzi, il tifo sui social per scegliere un vincitore dello scontro su Porta a Porta

video Il tanto attesto dibattito televisivo tra Matteo Renzi e Matteo Salvini, nello studio di Porta a Porta, è stato visto e commentato da migliaia di persone sui social network. E anche gli stessi protagonisti hanno seguito il programma, registrato nel pomeriggio, commentando su Twitter le risposte dell'uno o dell’altro. Come in un incontro sportivo, il botta e risposta ha scatenato gli spettatori e ognuno ha scelto un proprio vincitore. A cura di Sofia Gadici

Governo, Boschi (Italia Viva): "Alleanza anti Salvini con Pd e M5s? Siamo leali ma non stupidi"

video "Noi siamo leali con questo governo, Matteo Renzi è da agosto che ci mette la faccia su questo governo. Era giusto fare questo tentativo, quindi siamo leali ma non stupidi e non è che tutto quello che viene da Pd e M5s per forza ci deve andare bene. Noi portiamo le nostre idee". Lo ha detto Maria Elena Boschi alla presentazione della neonata Italia Viva a Roma. Di Cristina Pantaleoni

Governo di Roma, Giachetti: "Zingaretti sbaglia, Raggi deve dimettersi perché incapace"

video "Raggi si deve dimettere perché è incapace, arrogante e non risolve i problemi della città. Dopo tre anni e mezzo sta distruggendo la città. Zingaretti dice che non deve dimettersi e chiede più impegno? Se continua così rade al suolo Roma... Un commissario farebbe molto meglio e si potrebbe poi tornare a votare". Lo ha detto Roberto Giachetti, deputato Iv dopo essere uscito dal Pd e già candidato a sindaco di Roma alla kermesse di presentazione del nuovo partito di Matteo Renzi al cinema Adriano.Di Cristina Pantaleoni

Manovra, Zingaretti: "Ok taglio cuneo fiscale, ma si indichino risorse"

video "L'abbassamento delle tasse sul lavoro per far alzare gli stipendi dei dipendenti e' il cuore della battaglia del Partito Democratico, quindi ogni idea o proposta che va verso questo senso e' positiva. Accanto all'auspicio bisogna anche indicare dove trovare le risorse, in questo modo i problemi si risolvono". Cosi' il segretario del Pd, Nicola Zingaretti, a margine della presentazione del Rapporto Asvis 2019, commentando le richieste sul tema del cuneo fiscale arrivate dagli imprenditori e condivise anche da Matteo Renzi. Anche il ministro dell'Agricoltura Teresa Bellanova commenta " non si distribuisce ricchezza se si distribuisce poverta. Si costruisce opportunità di lavoro se si investe" Infine l'ex ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan invita alla prudenza "Il coraggio non manca, ma sfondare il deficit puo' essere controproducente" Video di Livia Crisafi

Milano, esordio con pienone per Italia Viva. Rosato: "Non ho rimpianti". Il pubblico risponde: "Neanche noi"

video  "Mi dicono che a Milano ci sia il pienone per Italia Viva, alla faccia di chi dice che siamo solo un'operazione di palazzo". Il messaggio di Matteo Renzi su Facebook letto alla platea:scatena il primo applauso della sala Affreschi dell'Umanitaria di Milano, gremita fino al chiostro dell'ex convento per il primo evento di Italia Viva nel capoluogo lombardo. "E dire che Renzi neanche c'è", dice un militante. Ai partecipanti sono concessi interventi veloci, di tre minuti, a ricalcare il format della Leopolda. "Lì ci struttureremo come movimento politico - dice Ivan Scalfarotto - presenteremo un simbolo e partirà il tesseramento". Il coordinatore nazionale Ettore Rosato, che parla di "un centro-destra finito, in mano a Salvini e Meloni", dice di "sentirsi felice e non avere rimpianti". Dalla folla rispondono in coro: "Neanche noi". L'avventura di Italia Viva comincia così anche a Milano.servizio di Andrea Lattanzi

Pd, Marcucci: "Giornata difficile". Lo scissionista Faraone: "Vogliamo che questo governo arrivi fino alla fine"

video Sono dodici gli oramai ex senatori del Pd passati a Italia Viva, la neonata creatura guidata da Matteo Renzi. "Siamo uomini anche noi, è una giornata difficile", afferma il capogruppo dem al Senato Andrea Marcucci, da sempre molto vicino al senatore di Rignano, al termine della riunione in cui sono stati ufficializzati gli abbandoni. "Nelle prossime ore presenteremo i gruppi di Italia Viva sia alla Camera che al Senato - conferma lo scissionista Davide Faraone - Un minuto dopo faremo partire questa nuova avventura". "Destibilizzare il governo? Abbiamo costituito i gruppi un minuto dopo la formazione dell’esecutivo proprio per dare stabilità. Abbiamo messo in piedi questo governo per arrivare fino alla fine", conclude.di Francesco Giovannetti

Scissione Pd, Frans Timmermans: "Spaccare unità per ragioni personali dà forza alla destra"

video Tutti si sono sorpresi, ieri sera, quando - in apertura della consueta riunione a Strasburgo del gruppo Socialisti e Democratici - l’olandese Frans Timmermans ha preso la parola e ha pronunciato la sua breve prolusione in italiano. Ma una ragione c’era: il vicepresidente esecutivo della Commissione Ue ha voluto "mandare un messaggio" al Partito democratico guidato da Nicola Zingaretti, condannando - pur senza nominarla - la scissione di Matteo Renzi. "Noi abbiamo una visione della società" dice a un certo punto l’ex Spitzenkandidat del Pse, "quando spacchiamo la nostra unità per delle ragioni personali diamo forza alla destra, non ad altri movimenti. Questo è il messaggio che volevo assolutamente dare, in questo giorno, in italiano, ai nostri amici del Partito democratico". E giù applausi. Renziani compresi. di Giovanna Vitale

Scissione Pd, il ministro Fioramonti: "Potrebbe rafforzare maggioranza, ma scissioni mai auspicabili"

video Nonostante l'uscita dal Pd e l'inizio del nuovo progetto Italia Viva, Matteo Renzi dice di voler far durare la legislatura fino al 2023. Ma con la creazione del nuovo soggetto la stabilità del Conte due è a rischio? "Penso e spero di no", risponde a Circo Massimo, su Radio Capital, il ministro dell'Istruzione Lorenzo Fioramonti, "Di questa scissione si parlava da molto tempo. Se, come ha detto Renzi, si va in una direzione di potenziale ampliamento della maggioranza, potrebbe anche essere un elemento di rafforzamento. Ma le scissioni non sono mai auspicabili. E mi sembra", conclude il ministro, "anche che questo gruppo abbia dei ministri nel governo, quindi non è che possono considerarsi completamente fuori".Intervista di Massimo Giannini e Oscar Giannino