L’Unitre apre l’anno con la giornalista Mazza

article CORMONS. Sarà una conferenza che vedrà protagonista la giornalista Viviana Mazza ad inaugurare l’anno accademico 2019/2020 dell’Unitre di Cormons. La cerimonia di apertura del ventitreesimo anno di attività culturali promosse dall’associazione presieduta da Michele Di Maria avrà luogo questo pome...

M. F.

Il San Luigi si riprende il Memorial Luchetta

article Trieste. È il San Luigi ad aggiudicarsi la 26esima edizione del Memorial Marco Luchetta 2019, superando in volata l’Udinese e bissando così il successo ottenuto lo scorso anno dai 2008 biancoverdi con il trofeo che rimane quindi nella bacheca di via Felluga.La formazione dei mister Luca Piccinin ...

Premio Luchetta, l'infanzia negata nello sguardo dei fotografi finalisti

video Documentano l'infanzia negata gli scatti in gara nell'edizione 2019 del Premio internazionale Marco Luchetta, il riconoscimento in memoria dell'inviato Rai ucciso nel 1994 a Mostar, in Bosnia, insieme ai colleghi Alessandro Ota e Dario D'Angelo. La sezione fotografia - dedicata a Miran Hrovatin, il fotografo e operatore di ripresa triestino assassinato nello stesso anno a Mogadiscio insieme a Ilaria Alpi - raccoglie le immagini realizzate da fotografi di diverse nazionalità e pubblicate su magazine e riviste internazionali. Il fumo nero che copre il cielo iracheno, e quello che infesta la Terra dei fuochi campana, la vita ai margini del quartiere dello shopping di Caracas e la realtà dei campi profughi Rohingya o in Siria. E poi racconti dallo Yemen, dal Ciad, dalle tante zone calde del pianeta dove conflitti, epidemie e povertà impediscono ai bambini di avere un'esistenza serena. Ques'anno il premio va ad Alessio Romenzi per l'immagine pubblicata dall'Espresso e che ritrae un padre in arrivo al check point di Qayyarah, a sud di Mosul: l'uomo tiene strette in braccio le sue bambine, in lontananza si scorgono i pozzi di petrolio dati alle fiamme dai miliziani dell'Isis. Video a cura di Martina Tartaglino

Trieste, Premio Luchetta 2019, ecco i vincitori

article Riconoscimento speciale a Riccardo Iacona. Tra i giornalisti scelti dalla giuria anche Zoro per il reportage in Congo e Daniele Bellocchio (stampa italiana) de L'Espresso per un servizio sui cittadini del Ciad in fuga da Boko Haram. Le premiazioni a Link, il festival del buon giornalismo, dal 9 al 12 maggio in piazza Unità

La cerimonia in ricordo dei tre giornalisti morti 25 anni fa a Mostar

photo

Per non dimenticare la morte dei tre giornalisti Rai triestini - Marco Luchetta, il teleoperatore Alessandro Ota e il tecnico Dario D’Angelo - morti 25 anni fa a Mostar, mentre giravano un servizio sui bambini vittime della guerra in Bosnia- Erzegovina, oggi sono state celebrate una serie di cerimonie a partire da quella in Comune questa mattina. Presenti, oltre alla presidente Daniela Schifani Corfini Luchetta e agli operatori e volontari della onlus, anche il sindaco Roberto Dipiazza, i presidenti dell'Ordine dei giornalisti Fvg Cristiano Degano, Assostampa Fvg Carlo Muscatello, Fnsi Giuseppe Giulietti e il segretario nazionale Usigrai Vittorio Di Trapani; e ancora l'ad della Rai Fabrizio Salini, il direttore della Tgr Alessandro Casarin e quello della sede Rai Fvg Guido Corso. Ha introdotto Giovanni Marzini. L'intervista

La cerimonia si è tenuta anche a Mostar. Nel deporre una corona di fiori sotto la targa posta sul luogo dell'attacco, l'Ambasciatore d'Italia Nicola Minasi ha ricordato il sacrificio di tre giovani uomini caduti per raccontare l'insensatezza della guerra e le sofferenze dei bambini, prime vittime innocenti.