Governo, Giorgetti: "Sulla crisi ha deciso Salvini da solo. Più facile andare al voto se si fosse fatta prima? Sì"

video "Quando è diventata conclamata la diversità di vedute su alcune cose, dalla giustizia alla Tav, Salvini ha deciso di aprire la crisi. Ma sono le decisioni di un capo, un capo decide sempre lui da solo". Così il sottosegretarioalla presidenza del Consiglio Giancarlo Giorgetti, intercettato fuori da Palazzo Madama. Sarebbe stato più facile andare a votare se la crisi di governo si fosse fatta prima? "Probabilmente sì", ammette il leghista che aggiunge:"Noi pensavamo che Conte si dimettesse l'altro ieri, però vuol aspettare il venti (agosto, giorno delle comunicazioni in Senato, ndr) e allora aspettiamo il venti". Di Cristina Pantaleoni

Crisi di governo, il labiale di Centinaio (Lega) contro Patuanelli (M5S): "Con chi c... abbiamo governato?"

video "Io credo che il ministro Salvini abbia tolto qualsiasi valenza politica al dibattito in corso: la proposta di votare immediatamente la prossima settimana la quarta lettura della riforma" per tagliare i parlamentari "è possibile esclusivamente se domani non viene votata la sfiducia al governo, mi aspetto che venga ritirata la proposta Romeo, in alternativa voteremo contro". È quanto ha detto Stefano Patuanelli, capogruppo del Movimento 5 Stelle al Senato, rispondendo alla proposta lanciata da Salvini nel suo intervento in Aula al Senato ("Tagliamo i parlamentari la settimana prossima e andiamo subito a votare"). Immediato il dissenso dei leghisti di ferro tra i quali spicca la reazione di Gian Marco Centinaio (Lega) che, leggendo il labiale, dice: "Con chi c.. abbiamo governato?". Video di Cristina Pantaleoni e Camilla Romana Bruno

Crisi di governo, il lapsus di Casellati: "Presidente Salvini". Il Pd: "Presidente di cosa?"

video "Presidente", è con questo epiteto che la Presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati si è continuata a rivolgere al leader della Lega Matteo Salvini, nel corso del suo intervento in aula durante le dichiarazioni di voto per la calendarizzazione dell'informativa del premier Conte. "Concluda Presidente, concluda", ripete Casellati intimando a Salvini di portare a termine il suo discorso nonostante le continue interruzioni del Pd. Ed è proprio il Partito Democratico che fa notare: "Ma presidente di cosa?". Video di Camilla Romana Bruno e Cristina Pantaleoni

Crisi di Governo, Salvini esce prima dall'aula senza votare

video Pd, 5Stelle, Leu e Autonomie hanno votato insieme contro le mozioni di Lega, Forza Italia e Fratelli d'Italia tra gli applausi e le provocazioni. Matteo Salvini, artefice della crisi di Ferragosto, aveva già lasciato l'Aula per una telefonata, per poi scendere a parlare con i giornalisti. Video di Cristina Pantaleoni e Camilla Romana Bruno

Crisi di Governo, Renzi: "Elezioni? Discussione in corso. L'Italia rischia la recessione"

video "Ho parlato da ex presidente del Consiglio: l'Italia rischia la recessione. Il segretario del Pd ha tutti i diritti e i doveri di gestire questa fase insieme ai capigruppo. C'è una discussione aperta con toni anche diversi, mi ha fatto riflettere Bettini. Decideremo, valuteremo, sono molto rispettoso del dibattito nel Pd ma da ex premier dico che rischiamo la recessione". Così il senatore Pd Matteo Renzi in conferenza stampa al Senato. "Se il Pd decide di andare alle elezioni? - conclude Renzi - Vedo che il Pd ha decisamente aperto, c'è una discussione in corso". Video di Cristina Pantaleoni e Camilla Romana Bruno

Crisi di governo, Matteo versus Matteo: lo scontro aperto in aula tra Renzi e Salvini

video Sono sedici minuti quelli che il leader della Lega Matteo Salvini ha avuto a disposizione, in Senato, in occasione delle dichiarazioni di voto per calendarizzare la sfiducia al presidente Conte. Intervento nel quale è proprio l'ex Presidente del Consiglio, Matteo Renzi, l'interlocutore e bersaglio principale. Fra le frasi dette dal vicepremier: "Non ho paura come Renzi di andare a votare, capisco la sua preoccupazione di perdere la poltrona, se gli italiani vorranno votarlo di nuovo tanti auguri". Non sono mancate da parte del partito democratico urla e proteste, mentre Renzi rideva divertito. Video di Camilla Romana Bruno e Cristina Pantaleoni

Crisi di Governo, Renzi: "Salvini si deve dimettere, torni ai suoi mojito"

video Così Matteo Renzi nel corso della conferenza stampa al Senato prima della discussione sulla calendarizzazione della sfiducia del presidente del Consiglio Giuseppe Conte. "Io non darò alibi a nessuno perché il tabellone del Senato oggi renderà possibile una nuova maggioranza, chi non vuole lo dica", ha detto l'ex presidente del Consiglio. "Salvini si deve dimettere da ministro e lo deve fare oggi che andrà in minoranza al Senato". Video di Cristina Pantaleoni e Camilla Romana Bruno

Crisi di governo, Salvini: "Unico patto salva poltrona è quello Renzi-M5s"

video "Chi ha paura delle elezioni evidentemente ha lavorato male e teme di non tornare in Parlamento", afferma Matteo Salvini, fuori dall'Hotel Palatino, a Roma, dove ha riunito senatori e deputati leghisti per fare il punto sulla crisi di governo. "Mi affido alla saggezza del presidente della Repubblica: è evidente che non c'è un'altra maggioranza, - ha continuato il ministro dell'Interno - non siamo attaccati alle poltrone e lo vedrete presto". E se sia pronto a ritirare i ministri della Lega, Salvini conclude: "Siamo pronti a tutto". Video di Camilla Romana Bruno e Cristina Pantaleoni

Crisi governo, maggioranza divisa sul calendario: Pd, Leu e 5Stelle votano insieme

video "Convocare domani l'aula del Senato per votare il calendario è una scelta gravissima, mai vista". Così Andrea Marcucci del Pd e Loredana De Petris di Leu insorgono alla fine della capigruppo al Senato. De Petris attacca: "E' una decisione politica, la presidente Casellati avrebbe dovuto tenere una posizione più neutrale”. Pd e Leu hanno votato insieme al Movimento 5 Stelle che con Patuanelli afferma: "C'è un centrodestra unito che vota insieme ma che non è maggioranza nella capigruppo del Senato che ha fatto una proposta, come è normale che sia, di ascoltare il presidente del Consiglio. "Credo che proporre di riunire l'aula il giorno della commemorazione del crollo del Ponte Morandi sia una proposta incommentabile". conclude il capogruppo pentastellato. Video di Cristina Pantaleoni e Camilla Romana BrunoL'ARTICOLO: Crisi di governo, la capigruppo del Senato si divide

Crisi di governo, Romeo (Lega): "Disposti a votare sfiducia a Conte anche a Ferragosto"

video "Abbiamo chiesto di votare al più presto la mozione di sfiducia a Conte: siamo disponibili a votare anche il giorno di Ferragosto per parlamentarizzare la crisi e poi andare a votare. Loro vogliono solo prendere tempo per mantenere le poltrone". Lo dice il capogruppo della Lega al Senato, Massimiliano Romeo. "Nasce una nuova maggioranza M5s-Pd-Leu? Quando si vedranno i voti sulla sfiducia capiremo. Fi e Fdi sono sempre stati coerenti. E' giusto che domani l'Aula voti sul calendario, anche se sembriamo non avere numeri", ha aggiunto Romeo. A fargli eco anche la capogruppo forzista Anna Maria Bernini: "Abbiamo chiesto ai nostri colleghi di non nascondersi dietro un dito. Si sta creando la rampa di lancio per un Conte-bis". Di Cristina Pantaleoni e Camilla Romana Bruno

Crisi di governo, Marcucci (Pd): "La nostra proposta è unitaria. Non c'è un partito dilaniato e diviso"

video Così il capogruppo al senato Andrea Marcucci, di fede renziana, entrando a Palazzo Madama prima della riunione che deciderà ufficialmente il calendario della crisi. "Credo che nella settimana tra il 19 e il 21 agosto prossimi si aprirà la crisi di governo, poi spetterà al presidente della Repubblica - continua Marcucci -. Parlando con il segretario Zingaretti non ho percepito fretta di andare al voto o divisioni" conclude. Di Cristina PantaleoniDossier - Tutti gli articoli sulla crisi di governo

Commissario Ue italiano, Conte: "Rivendichiamo ruolo di primo piano"

video "Rivendichiamo un portafoglio economico di primo piano, riteniamo che sia adeguato alle ambizioni e alle responsabilità che l'Italia vuole assumersi". Così il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, parlando del commissario Ue che spetta all'Italia. "Siamo disponibili - ha aggiunto Conte accogliendo la nuova presidente della Commissione Ue, Ursula von der Leyen, a palazzo Chigi - a proporre e concordare un candidato il più possibile adeguato per competenza, capacità, disponibilità nell'interesse dell'Italia e dell'Europa". Video di Cristina Pantaleoni

Migranti, von der Leyen a Conte: "Serve nuovo patto sull'immigrazione. Solidarietà non è unilaterale"

video "Vorrei proporre un nuovo patto per le migrazioni e l'asilo. Abbiamo bisogno di una nuova soluzione, una nuova boccata d'aria". Così la presidente della Commissione Europea, Ursula von der Leyen, a Palazzo Chigi per un incontro col presidente del Consiglio Giuseppe Conte. "Vogliamo che le nostre procedure siano efficaci, efficienti ma anche umane, non e' compito facile ma non esistono soluzioni e risposte facili", aggiunge. Di Cristina Pantaleoni

Carabiniere ucciso a Roma, migliaia di persone in fila alla camera ardente

video Tanta gente comune, forze dell’ordine e politici alla camera ardente del vicebrigadiere Mario Cerciello Rega allestita nella cappella di piazza del Monte di Pietà. Migliaia le persone in fila, tanto che è stata posticipata la chiusura. "C'e' molta commozione e tutta la massima vicinanza nei confronti della moglie e della famiglia - ha commentato il premier Giuseppe Conte lasciando la camera ardente - Oggettivamente è una perdita che ci addolora tutti. Questo è il momento della commozione e di stare vicino alla famiglia. Per altre dichiarazioni di più ampio respiro su questa vicenda mi riservo di farvi sapere”. A salutare il vicebrigadiere anche il reparto mobile della Polizia di Stato e una pattuglia dei Carabinieri. Di Cristina Pantaleoni L'ARTICOLO - La telefonata: "Mi hanno derubato"

Carabiniere ucciso a Roma, fiori e lacrime alla messa: la moglie lascia la chiesa stringendo la sua foto

video Amici e parenti si sono radunati nella chiesa romana della Santissima Trinità dei Pellegrini, davanti alla stazione dei carabinieri di Piazza Farnese dove prestava servizio Mario Rega Cerciello. Alla messa hanno partecipatola madre Silvia, la sorella Lucia e Maria Rosa, la moglie del militare dell'Arma che ha lasciato poi la chiesa stringendo tra le mani la foto dell'uomo che aveva sposato poco più di un mese fa. Video di Cristina Pantaleoni

Carabiniere ucciso a Roma, una madre in lacrime: "Portò mia figlia all'ospedale e rimase con noi tutta la notte"

video “Portò mia figlia all’ospedale, io ero nel panico, le salvò la vita e rimase con noi tutta la notte”. Elisabetta Berruti, del rione parione, ha portato i fiori alla caserma del vice brigadiere Mario Cerciello Rega, ucciso questa notte a Roma. "Mia figlia si sentì male, presa dal panico chiamai la stazione dei Carabinieri. Lui rispose e non esitò ad accompagnarmi in ospedale. Non era in servizio, era con la sua macchina. Rimase con me tutta la notte. Ma lui rimase, come se fosse naturale supportare. Aspettò che venisse dimessa e mi riaccompagnò a casa. Per me era un ragazzo di altri tempi - lo ricorda commossa -, sempre con il sorriso, sempre pronto ad aiutare tutti.” di Cristina Pantaleoni

Carabiniere ucciso a Roma, il comandante: "Ho provato a rianimarlo, per me Mario era un figlio"

video "Ho cercato di rianimarlo. Ora staremo vicini alla moglie. Mario era un ragazzo buono, un carabiniere preparato che pensava sempre al prossimo, sia durante i turni di servizio sia quando non indossava la divisa". Sandro Ottaviani, comandande della stazione di piazza Farnese descrive così il vicebrigadiere Mario Cerciello Rega ucciso a Roma. "Era solito fare pellegrinaggi a Lourdes e a Loreto per dare una mano alle persone che soffrono, ogni settimana - ha aggiunto il comandante della stazione dei carabinieri piazza Farnese - senza dirlo a nessuno faceva volontariato. Cosa vorrebbe Mario? Che continuassimo a fare il nostro lavoro fatto bene”, conclude il comandante. Di Cristina Pantaleoni

Moscopoli, bagarre in Senato: il Pd annuncia la mozione di sfiducia contro Salvini

video Si accende subito l’aula del Senato in occasione dell’informativa del premier Giuseppe Conte sul caso Savoini. "Salvini è il ministro della fuga e del tradimento perché fuggendo dai sui doveri istituzionale ha tradito i suoi stessi doveri e le istituzioni di questo paese e lei ne dovrebbe sentire tutto il peso”, esordisce Dario Parrini del Partito Democratico. A rispondergli è Massimiliano Romeo, capogruppo leghista in Senato: "Era meglio che qui si parlasse degli scandali e degli orrori di Bibbiano... bambini sottratti ai genitori per darli agli amici, ai conoscenti e a coppie arcobaleno…” per finire poi con un “Ciaone Pd”. E’ però Andrea Marcucci (Pd) a chiudere la seduta annunciando una mozione di sfiducia nei confronti del ministro Salvini.Video di Cristina Pantaleoni

Moscopoli, Conte: "Savoini a Mosca nel luglio 2018 nella delegazione di Salvini"

video "Salvini è stato presente a Mosca anche il 15 luglio 2018 per la finale del mondiale di calcio e il 16 luglio 2018 per l'incontro con le controparti russe. In quella occasione fu notificata alle controparti russe dalla nostra ambasciata la composizione della delegazione italiana su indicazione del protocollo del ministero dell'Interno: la delegazione ufficiale comprendeva anche il nominativo del signor Savoini". Lo dice il presidente del Consiglio Giuseppe Conte nell'informativa al Senato sul caso Moscopoli. Di Cristina Pantaleoni