Senza Titolo

CUNEO. «Le nuove tecnologie stanno cambiando la vita di tutti, come in passato lavastoviglie e lavatrici: rivoluzionano le nostre esistenze ma prima si deve sapere come usarle». Linguaggio diretto, esempi concreti, risvolti pratici. Ieri mattina a Cuneo, nell'atrio delle Poste centrali di via Bonelli, erano in 50 a seguire la prima lezione di «Educazione digitale» promossa da Poste italiane. Un progetto di 60 tappe in tutta Italia che ha esordito a Cuneo con tre sessioni: una al mattino e due al pomeriggio. Gli «studenti» erano non solo pensionati, quasi tutti con lo smartphone e il tablet in mano, pronti a imparare, fare domande, risolvere dubbi sullo strumento che ormai tutti usano ogni giorno. Si è parlato di privacy e sicurezza online, controllo del conto corrente via web e chat con parenti e amici lontani, ma anche consigli molto utili per evitare di lasciare informazioni sensibili sui social, poi phishing, allegati con virus e malware. Le lezioni sono gratuite e gli «alunni» sono stati invitati a partecipare nei giorni scorsi con il passaparola e informati come clienti agli sportelli delle Poste. Dopo le tre sessioni a Cuneo seguiranno decine di appuntamenti in tutta Italia: le prossime tappe saranno a Roma, Civitanova Marche, Udine, Rho, Biancavilla e Monopoli. --L. B. BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI