A Lubiana il primo centro studi varato sotto l'egida dell'Unesco

Stefano GiantinLUBIANA. Quali sono i fronti sui cui lavorare, per rimanere al passo con i tempi e per prepararsi adeguatamente a un futuro complesso? Uno, fondamentale, è certamente l'intelligenza artificiale (Ai), tecnologia dal rapidissimo sviluppo che promette di cambiare il mondo - incluso quello del lavoro - settore su cui le imprese, ma anche gli stati puntano sempre di più.Ma c'è qualcuno che lo fa con maggiore impegno e dedizione di altri: è la Slovenia, dove presto sorgerà un centro d'eccellenza, unico nel suo genere, che promette di far avanzare la ricerca su tutti gli aspetti dell'intelligenza artificiale - iniziativa così significativa da meritare l'appoggio ufficiale da parte dell'Unesco. Si tratta dell'International Research Centre on Artificial Intelligence (Ircai), primo centro di ricerca sulla Ai «sponsorizzato da Unesco», la cui apertura è prevista a Lubiana nel 2020.Ne ha dato notizia l'agenzia di stampa slovena Sta, che ha spiegato che la sponsorizzazione Unesco è stata decisa all'unanimità alla conferenza generale dell'organizzazione internazionale, dopo che Lubiana aveva sottoposto all'attenzione dell'Unesco l'idea del centro di ricerca sulla Ai già a fine 2018.Cosa sarà, l'Ircai? Molte cose, ha illustrato a ottobre la delegazione slovena al Consiglio dell'Unione europea. Sarà certamente un centro di ricerca "tradizionale", ma darà pure «consigli a governi, organizzazioni, opinione pubblica» e imprese su «temi sistemici e strategici» relativi all'Ai, ma si impegnerà anche per la «nascita» di centri simili «in giro per il mondo». Istituto sloveno che lavorerà pure per «creare un'agenda» per lo sviluppo dell'intelligenza artificiale, studiando le complesse ricadute «legali, sociali ed economiche» dello sviluppo scientifico della Ai. E soprattutto quelle «etiche», un tema-chiave quando si pensa a robotizzazione, sostituzione della manodopera umana con macchine, uso di robot nel settore Difesa, sistemi di riconoscimento facciale, discriminazione di genere e razza - un problema che appare intrinseco in vari algoritmi Ai - responsabilità delle azioni di un sistema Ai, influenza dei bot sull'opinione pubblica, per menzionare solo alcuni punti caldi.Il Centro darà lustro a Lubiana e posizionerà la Slovenia al cuore della ricerca sulla Ai e «al top degli sviluppi tecnologici globali», ha assicurato il ministero sloveno dell'Educazione e della Scienza, svelando che ci sarebbe già una lunga lista di Paesi interessati a collaborare. Ma si tratta anche di un riconoscimento «per i risultati ottenuti dagli scienziati sloveni e del risultato della buona cooperazione tra Slovenia e Unesco», ha aggiunto il ministero. Malgrado un calo tra 2014 e 2017, la Slovenia spende circa l'1,9% del suo Pil in ricerca e sviluppo, ben più dell'Italia (1,3%) e del Regno Unito (1,6%), per citare solo alcuni paesi. La media Ue nel 2017 era del 2%. -- BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI