Leonardi e Rosini oro agli Europei con le azzurrine Under 18

Marco FedericiTRIESTE. Il metallo più pregiato, per il secondo anno di fila. Dopo la medaglia d'oro conquistata lo scorso anno al Campionato Europeo Under 16 di Kaunas, l'Italia sigla un fantastico bis nell'Under 18, battendo nella finalissima a Sarajevo l'Ungheria 70-62. Un risultato strameritato, che vale una gioia immensa anche per le triestine Francesca Leonardi, in forza alla Reyer Venezia, e Clara Rosini, del Futurosa: Leonardi rivive così le gesta di un anno fa, mentre Rosini può godersi nel migliore dei modi l'esordio azzurro nella massima competizione continentale.Dopo un percorso immacolato che le ha portate a dominare tutte le avversarie fino alla semifinale, all'Italia del ct Riccardi rimaneva solo l'ostacolo Ungheria per completare un'opera che, partita dopo partita, era sembrata sempre più alla portata. Il campo lo ha confermato (pur con qualche brivido) anche nella finale di ieri: poche fasi di studio, poi Natali mette il turbo per le azzurre, che infilano un break di 13-0 e volano sul 21-8. Le magiare faticano a trovare varchi, mentre l'Italia mostra un repertorio completo, alimentato da punti in contropiede seguiti a palle rubate. A metà del secondo c'è spazio anche per Leonardi, con l'Italia stabilmente avanti, eccetto uno 0-5 di break scacciato prima di rientrare negli spogliatoi con un buon +13. I secondi 20' si aprono con il massimo vantaggio del match (+18) ma con il passare dei minuti la squadra di Riccardi forza negli uno contro uno, ed è l'Ungheria a giocare in modo più corale, sfruttando i centimetri in area, anche con giocate da "fallo e vale". Il terzo quarto vede ancora l'Italia avanti, ma di soli 3 punti che diventano uno in due occasioni subito dopo. Proprio nel suo miglior momento all'Ungheria viene il braccino, con alcuni errori banali al tiro e nei passaggi. È quel che aiuta l'Italia per superare la crisi passeggera e ritrovare linfa, sospinta prima da una strepitosa Orsili, poi dalla rediviva Natali: è suo anche il canestro del 67-56 a 2'40" dal termine che l'Ungheria riuscirà solo ad avvicinare, senza poter più mettere le mani sull'oro.Italia 70-Ungheria 62 (21-8, 42-29, 55-52). Italia: Stroscio 3, Orsili 19, Nativi ne, Gilli 7, Natali 19, Leonardi, Pastrello 8, Spinelli 2, Panzera 6, Rosini ne, Savatteri ne, Nasraoui 6. All. Riccardi. Ungheria: Budacsik 5, Keita, Angyal 7, Horvat ne, B. Boros ne, Dombai 16, Varga 11, Wentzel 5, Szirony ne, Manyoky, J. Boros 14, Kiss 4. All. Volgyi. -- BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI