Omicidio Orlando concluse analisi informatiche

Sono state depositate ieri in Procura a Udine le analisi informatiche eseguite dalla Polizia di Stato sui telefoni e sui computer sequestrati nel corso delle indagini sul delitto di Nadia Orlando, la giovane di 21 anni di Vidulis di Dignano (Udine), uccisa la sera del 31 luglio scorso dal fidanzato Francesco Mazzega, 37 anni. Lo ha confermato il Procuratore capo di Udine Antonio De Nicolo, anticipando che, a questo punto, è ormai «prossima la chiusura delle indagini preliminari» coordinate dal pm Letizia Puppa. L'esito delle analisi informatiche, eseguite dalla Squadra Mobile di Udine con l'ausilio della Polizia postale, sul cui contenuto viene mantenuto il massimo riserbo, era l'ultimo accertamento atteso dalla Procura di Udine. Le analisi hanno riguardato il contenuto dei cellulari dei due fidanzati, dei computer che avevano in uso nell'azienda in cui entrambi lavoravano e del pc sequestrato in casa di Mazzega. La Polizia ha depositato oggi anche l'esito delle analisi informatiche eseguite sui cellulari dei genitori dell'uomo e sul computer della loro abitazione di Muzzana del Turgnano, dove Francesco Mazzega si trova ai domiciliari. Questi ultimi apparecchi informatici sono stati controllati a seguito della perquisizione effettuata a dicembre.