A Ruda arrivano i richiedenti asilo Domani incontro con i residenti

RUDAUn incontro per aggiornare i residenti in merito all'accoglienza di alcuni richiedenti asilo nell'ambito del piano predisposto dalla Prefettura. Domani, alle 18.30, nella sala circoscrizionale di piazza dei Cavalieri di Malta, il sindaco, Franco Lenarduzzi, incontrerà i cittadini. «Sulla base del piano prefettizio, che prevede l'allocazione di alcuni richiedenti nei vari territori - spiega il sindaco -, ho proposto l'incontro nell'ottica di informare la popolazione di San Nicolò su quanto fino a ora è stato fatto e su quanto sarà possibile fare. A San Nicolò, il Comune è proprietario di un immobile, che è stato sempre dedicato a ospitalità di carattere sociale. Fare speculazione politica su temi come questo non serve a nulla. Questa non è che un'altra fase rispetto ai progetti di accoglienza che stiamo portando avanti da più di 3 anni. Il progetto di accoglienza che stiamo facendo assieme a Palmanova, Bagnaria Arsa, Torviscosa e Campolongo Tapogliano ha visto il coinvolgimento di tante associazioni ed è stato considerato positivo. La presenza dei richiedenti asilo non è stata quasi notata». Il sindaco conclude: «Non abbiamo notizie certe sulle modalità e dinamiche che riguarderanno le ipotesi di accoglienza. Riteniamo corretto, tuttavia, informare la comunità». (e.m.) di Monica Del MondowBAGNARIA ARSASono affrante le comunità di Bagnaria Arsa e di Palmanova per la scomparsa di Luca Cavuto, 52 anni, avvenuta domenica, all'ospedale di Udine, dove era ricoverato da qualche tempo. Nato a Palmanova, si era trasferito con la famiglia, a metà degli anni 70, a Sevegliano dove viveva in via Ristori. La sua vita, tra scuole, amici, lavoro e passioni, lo aveva sempre portato a rimanere legato a queste due comunità. Appassionato di sport, a Bagnaria aveva contribuito a fondare alla fine degli anni '80 la società sportiva della Juvenilia. Tifoso a livello locale dell'Ac Palmanova, aveva un cuore bianconero che lo ha portato, da abbonato, nella curva dell'Udinese per trentotto anni consecutivi. Era anche un amante dello sci.Gli amici, che ora stanno avviando una raccolta di fondi da destinare all'Associazione italiana contro le leucemie, lo ricordano come un "uomo dal cuore enorme". «Luca era una persona splendida e dall'animo gentile. Gli piaceva stare in compagnia ed era disponibile con tutti. Era anche un gran lavoratore.. «Luca era un altruista - così ne parla il fratello Luigi - e anche nel seguire i problemi di salute della mamma, morta poche settimane fa, si è prodigato in ogni modo». Dopo le scuole nella città stellata, Cavuto si era formato a Cividale come panettiere-pasticcere e aveva sempre trovato impieghi in quel settore. Attualmente, lavorava alla panetteria Sandrigo di Aquileia. Anche il sindaco di Bagnaria, Cristiano Tiussi, esprime il proprio cordoglio «per la perdita di un caro amico». I funerali si svolgeranno domani, alle 15, nella chiesa di Sevegliano.