San Floriano dà l'addio a Maria nel giorno dei suoi 104 anni

SAN FLORIANOSe n'è andata dopo oltre un secolo di vita. Una vita lunga, irta di difficoltà ma anche piena di gioie e affetti. E lo ha fatto, per una speciale scelta del destino, proprio nel giorno del suo 104° compleanno, nella casa della figlia, mentre era circondata da tutta la famiglia. San Floriano piange oggi la scomparsa di una delle sue grandi memorie storiche, la signora Maria Rosic, vedova Vogric, spentasi serenamente in casa venerdì sera durante la festa che i suoi cari avevano preparato in suo onore. Maria era nata infatti a San Floriano, allora parte dell'Impero Austroungarico, il 19 gennaio 1914, e nel paesino in cima al Collio ha sempre vissuto. Una vita semplice, la sua, da contadina e donna di casa, che ha dovuto crescere in fretta dopo aver perso la madre, quando aveva solo 12 anni, e il padre poco dopo, per essere accolta in casa dagli zii. «Era una persona tranquilla, gentile e gioviale con tutti - racconta il figlio Floriano -, una donna che pensava solo al lavoro e alla famiglia. Ma non le pesava, perché mia madre amava cucinare e occuparsi della casa, faceva queste cose con il cuore». Floriano è il secondo dei cinque figli di Maria, nati dall'unione con l'amato Antonio Vogric, scomparso ormai nel lontano 1985. Prima di Floriano nacque Luciano, e poi Romano (titolare dell'apprezzato ristorante Vogric "Alle Ruote", proprio a San Floriano, nel quale negli ultimi anni spesso la si poteva vedere impegnata a sbucciare delle mele o delle patate, per dare una mano nel lavoro quotidiano), Stefano e Carla. Nella cui casa, in via Petrogalli a Gorizia, Maria ha scelto di salutare questo mondo e tutti i suoi cari: oltre ai cinque figli ben dieci nipoti, diciassette pronipoti e due pro-pronipoti. I funerali di Maria Rosic si svolgeranno oggi, alle 14, nella chiesa di San Floriano, anche se già al mattino dalle 8.30 alle 10.30 sarà possibile darle un ultimo saluto nella cappella del cimitero centrale di Gorizia. (m.b.)