Autovie triplica gli autovelox sull'A4

di Giuseppe PalladiniwTRIESTETriplicano gli autovelox nel tratto dell'A4 interessato dai lavori per la terza corsia, fra Palmanova e Portogruaro, percorso teatro di incidenti quasi quotidiani che vedono spesso coinvolti i mezzi pesanti, con la formazione di code chilometriche. Dai cinque autovelox attualmente in funzione si passerà quindi, fra qualche settimana, a una quindicina. Nel tratto interessato dai cantieri vige infatti il limite degli 80 chilometri orari (70 per i mezzi pesanti), il cui mancato rispetto è tra le cause dei numerosi incidenti.Ma questa non è la sola misura decisa ieri dal consiglio di amministrazione di Autovie Venete per far fronte alla gestione del traffico durante i lavori. Oltre ai nuovi autovelox si è decisa anche l'installazione di maxi cartelloni per ricordare il rispetto della distanza di sicurezza (frequenti anche i tamponamenti fra mezzi pesanti, causa prima di rallentamenti e congestioni) e l'intensificazione dei controlli da parte della Polizia stradale.Nel corso del cda il presidente di Autovie, Maurizio Castagna, ha confermato la tendenza all'incremento del traffico. «Negli ultimi anni - ha rilevato - il volume è praticamente tornato ai livelli pre-crisi, così come la "sofferenza" dell'infrastruttura».Nel 2012 erano transitati 44 milioni 441mila veicoli, passati al 31 dicembre 2016 a 47 milioni 33mila. Una crescita che riguarda ovviamente anche i mezzi pesanti: gli 11 milioni 107mila transiti del 2012 sono divenuti, nel 2016, 11 milioni 922mila. Inoltre il confronto fra 2015 e 2016 segnala un incremento, per il traffico pesante, del 5,18%: da 11 milioni 335mila a 11 milioni 922mila. E nei primi cinque mesi di quest'anno i veicoli pesanti sono stati 266mila 951 in più rispetto allo stesso periodo del 2016.Tornando alle decisioni del cda, i provvedimenti ricordati, concertati con la Polstrada, sono stati illustrati ai rappresentanti degli autotrasportatori in un incontro, con i vertici di Autovie e il comandante del Centro operativo autostradale, Gianluca Romiti, svoltosi giovedì scorso a Palmanova.Per le associazioni degli autotrasportatori erano presenti esponenti di Confartigianato Trasporti, Associazione trasportatori Fvg, Confapi Trasporti, Cna-Fitae Confindustria Trasporti. Fra le richieste della categoria, il potenziamento dell'informazione sul traffico, un eventuale stop agli ingressi da oltreconfine in caso di gravi criticità e il controllo del rispetto delle distanze di sicurezza.A fronte di tali istanze il presidente di Autovie ha chiesto ai trasportatori di intensificare la sensibilizzazione degli associati sul rispetto delle norme del Codice e dell'uso corretto (con il vivavoce) del cellulare durante la guida. Castagna ha anche annunciato che a giorni sarà attivato un team per rispondere alle richieste dei trasportatori, a cominciare dall'informazione sulla viabilità, puntando sul potenziamento della app, l'incremento dei display, l'intensificazione dei contatti con le centrali operative di Slovenia, Austria e Croazia, e le sinergie con il porto di Trieste da dove proviene un elevato numero di mezzi pesanti».Intanto oggi, giornata iniziale del primo weekend di luglio, è previsto traffico intenso sulla Trieste-Venezia e sulla tangenziale di Mestre, in entrambe le direzioni. Rallentamenti o code alle uscite dei caselli delle località balneari del Friuli Venezia Giulia. e del Veneto. I rallentamenti potranno essere più intensi al casello di San Donà di Piave: al traffico turistico si aggiungerà infatti quello diretto all'outlet di Noventa dove è iniziata la stagione dei saldi. Possibili rallentamenti o codeanche alla barriera di Trieste Lisert.©RIPRODUZIONE RISERVATA