Senza Titolo

SANITÀFunziona la medicinasul territorionDa quanto comparso sul vostro quotidiano nell'articolo "Sanità, Gorizia scippata da Palmanova" sembra doveroso fare alcune precisazioni a proposito della nuova organizzazione della sanità territoriale. La riforma sanitaria e l'accordo integrativo regionale dei medici di medicina generale stanno iniziando a dare positivi risultati oggettivi che vanno segnalati, ovvero iniziamo a registrare una migliore risposta al bisogno di salute dei cittadini e in particolare alla gestione delle patologie croniche. Nel 2016 abbiamo iniziato a seguire secondo criteri omogenei il diabete e i numeri parlano chiaro. Dal 2015 al 2016 vi è stato un aumento significativo del controllo dei pazienti affetti da diabete, come documentano i dati regionali in questi giorni presentati dall'assessorato. Vi è stato un maggiore reclutamento dei pazienti per il controllo della patologia : +7,2% di emoglobina glicata,+ 26%microalbuminura;+7,8% creatininemia.+4,3% profilo lipidico,+13,8% fundus oculare.Questi indicatori, se confrontati con quelli di regioni italiane considerate modello per la gestione territoriale delle patologie croniche (vedi Toscana) mostrano come i nostri risultati siano decisamente tra i migliori, se non i migliori in campo nazionale. Ed è solo l'inizio di un percorso che continueremo a promuovere per l'efficacia dimostrata. Nel tempo questo procedere darà inevitabilmente, a regime, risultati ancora più consistenti. Continuiamo pertanto a favorire questa nuova modalità di approccio alla cura(medicina di iniziativa) che è l'unica a garantire appropriatezza, ottimizzazione delle risorse con inevitabili ricadute positive in termini di salute.Per quanto riguarda il tasso di ipotetici ricoveri impropri, come comparso nell'articolo, si sappia che la percentuale dei ricoveri si è ridotta ben del 9,4% dal 2015 al 2016. E' difficile pertanto ipotizzare in base a questi presupposti che, vista la valutazione effettuata dal pronto soccorso, vi sia un aumento di ricoveri impropri.Dottoressa Adriana Fasiolo