Muggia beffato dal Valnatisone

SAN PIETRO AL NATISONE Quando il Muggia stava già pregustando il sapore di almeno un punticino da cogliere a San Pietro al Natisone, è arrivato il raddoppio del Valnatisone e addio sogni di "gloria" per i rivieraschi, rimasti pertanto a mani vuote in occasione della ventiseiesima giornata di Promozione/girone B. Un'occasione persa anche per non far allontanare proprio i neroverdi di mister Peressoni in un turno in cui hanno perso il Ronchi, la Sangiorgina e la Cormonese, mentre l'Aurora Buonacqusto e la Torreanese impattano 0-0 nello scontro diretto di Remanzacco. Dopo un fallo non rilevato ai danni dei muggesani, c'è una ripartenza friulana, che si conclude con una conclusione sulla traversa. La seconda annotazione arriva su un corner per i padroni di casa, una respinta e i vincitori colgono un palo. Al 3' della ripresa la gara si sblocca; scatto in contropiede di Barnobi su un lancio lungo, il numero undici si inserisce tra le fila della difesa avversaria e indovina l'angolino giusto. Passano 3' e arriva la prima mazzata per gli ospiti. Un'azione confusa vede il "dieci" Tiro andare alla battuta, Osmo si oppone in scivolata e la palla gli sbatte sul corpo, toccando una mano. Per l'arbitressa è rigore, che viene realizzato da Miano. Jugovac indovina l'angolo, ma la conclusione è forte e perciò non riesce a neutralizzarla. «Siamo andati all'attacco, giocando bene dopo il pareggio - rileva ancora lo stesso Donadel - ma non siamo riusciti a incidere. E al 38' ci è crollato il mondo addosso, quando un'amnesia in marcatura su un calcio d'angolo ha permesso a Clapiz di insaccare di testa. La stavamo controllando e tornare a casa con un punto era a un passo». A rendere più difficile la vita al Muggia sono state le assenze di Benvenuto, Male e Menichini (forfait dell'ultima ora causa influenza), con Matkovic costretto a schierare cinque fuoriquota, di cui quattro 1996 (a cui si è aggiunto nel secondo tempo un altro 1996 quale Udovich) e un pizzico di inesperienza la si è vista. (m.la.)