Cacciatore uccide un gatto senza motivo Viene denunciato e ora rischia il carcere

A Gallesano un altro episodio di ferocia contro gli animali, dopo il barbaro massacro del cane Misko (foto) ucciso dilaniato da un petardo che un idiota ancora senza nome gli aveva lanciato in bocca la notte di Capodanno del 2013. Questa volta la vittima della crudeltà umana è un povero gatto che un cacciatore di 37 anni ha impallinato in pieno giorno senza una ragione precisa, forse soltanto perché era tornato dalla battuta di caccia con il carniere vuoto e quindi aveva bisogno di sfogare la sua rabbia prendendosela con un animale innocente. Qualcuno però ha telefonato alla polizia accorsa subito sul posto. Per il cacciatore si prospettano guai giudiziari piuttosto seri: nei suoi confronti è partita la denuncia per tortura e uccisione di animali. Se riconosciuto colpevole rischia fino a un anno di carcere. Non basta. Gli agenti hanno sequestrato i tre fucili da caccia in suo possesso con tutte le munizioni e ritirato il porto d'armi. Tornando al povero Misko che ha toccato il cuore del popolo di Facebook di tutta la Croazia e dell'Italia settentrionale la polizia sta indagando, almeno così rispondono ai giornalisti i vertici della Questura.(p.r.)