B donne, vince una pragmatica Emt

TRIESTE Con una prestazione incline alla pragmatica, l'Emt sfianca alla distanza una spuntata Montereale, in vantaggio al termine del primo quarto e poi progressivamente messa alle corde dalle triestine. Decimate le ospiti (8 atlete a referto), non stava molto meglio la squadra di Masala, che oltre alle lungodegenti Cumbat e Milic (quest'ultima affronterà a marzo l'artroscopia al ginocchio) ha dovuto far fronte a malesseri anche tra chi era presente, come ad esempio Silli, schierata in avvio ma presto tolta dal match. In condizioni quindi non ideali da ambo le parti per offrire un grande spettacolo, l'Emt ha il merito di provarci per prima: Francesca Manin spinge il contropiede e la sua squadra si ritrova presto su un 8-4 che già potrebbe essere più ampio. Mancate alcune occasioni per arrotondare il divario, invece, l'Emt si siede, e Montereale colpisce in pochi minuti con una serie di penetrazioni ficcanti che valgono il +3 alla prima sirena. Le padrone di casa (si stanno adattando al campo del Bor, stante l'inagibilità del parquet dei salesiani) stentano a far ripartire le loro azioni, e solo in prossimità dell'intervallo riescono a sciogliersi un po' di più, pur con un sorpasso già concretizzato in precedenza. Tra le più incisive di queste fasi c'è Trimboli, che seguita anche dopo l'intervallo a colpire con costanza, ma a livello di singole è Manin a salire sempre più in cattedra: la playmaker dà un primo strattone al match nel terzo quarto (27-18), colpendo anche contro la zona delle più stanche ospiti. Anche l'Emt si schiera a zona, e Montereale fatica molto a bucare la difesa triestina. Il +12 di fine terzo quarto è già un buon margine per la squadra di Masala, che tocca con la scatenata Manin il massimo vantaggio di +18, prima di subire un indolore controbreak. (m.fe.)