Serie B, l'Emt vende cara la pelle ma lascia la leadership a Marghera

TRIESTE L'atteso scontro al vertice tra le Giants Marghera e l'Emt rimanda i sogni di gloria delle triestine, che perdono per 61-48 (6-17, 27-29, 40-34) e consegnano la leadership solitaria alle venete. La sconfitta non equivale di certo a un dramma per le ragazze di Masala, scoperte dagli infortuni di Milic e Cumbat proprio in quel settore esterne laddove Marghera furoreggia con Nicolini e Savelli, giocatrici da altri palcoscenici. Prima di arrendersi nei 5' finali, un'Emt complessivamente buona pur non all'apice delle sue performance, ha venduto comunque cara la pelle: straordinario il primo quarto, col momento magico che dura fino a metà del secondo periodo. Sul -12, Marghera ha un primo sussulto e, forse agevolata anche da alcuni fischi concentrati in pochi minuti, rientra alla grande (-2) all'intervallo. La perdurante difesa a zona delle padrone di casa alla lunga infastidisce l'Emt, che aveva trovato un paio di bombe in avvio, salvo poi abusare dello stesso espediente senza successo. In difesa, Gottardi e Miccoli si spendono egregiamente sulla forte Fabris, ma non basta. Le difficoltà offensive (si salva Silli) pesano e nemmeno Francesca Manin, molto brillante nell'ultimo mese, si dimostra in serata. Le Giants ne approfittano per allungare a +6 sulla terza sirena e, dopo alcuni minuti trascorsi con tale divario neutralizzato, allungano nel finale. Emt: Trimboli 6, F. Manin 5, Tonsa ne, Abrami 1, Silli 19, Miccoli 7, C. Manin ne, Sacchi 1, Baracchini 4, Gottardi 5, Samez ne. L'Abf Monfalcone domina il Montereale nella gara giocata a Pordenone. Finisce 50-71 (11-20, 21-36, 33-55) per la squadra di Banello, padrona del campo fin dal primo quarto e capace di allungare progressivamente nelle frazioni centrali. Buon minutaggio per tutte, con Furlan e Valentina Banello a svettare sotto le plance: rispettivamente 23 e 14 punti segnati. La Geoclima Fogliano perde in casa con Treviso, tra le squadre più in forma del lotto: 51-58 (17-15, 26-29, 38-42), al termine di una gara giocata dalle ragazze della Mazzoli con intensità, condita però da ingenuità pagate care (leggi palle perse) nel finale. Top scorer Rosari con 11 punti. (m.f.)