A fuoco lo scivolo del parco giochi a Roiano

Vandali in azione nella notte tra mercoledì e giovedì scorsi nell'area giochi dietro alla chiesa di Roiano, dove è stato dato alle fiamme lo scivolo, con conseguente danneggiamento anche della pavimentazione sottostante. Ma è solo l'ultimo di una serie di episodi ai danni di parchi attrezzati in città e molte famiglie chiedono telecamere o un aumento dei controlli, mentre su Facebook sono sempre più frequenti le lamentele, con tanto di foto eloquenti. Tra le zone colpite negli ultimi mesi i giochi di piazzale Rosmini, dove alcune mamme denunciano come vengano spesso smontate le viti delle altalene, che diventano così inagibili e pericolose. Altre segnalazioni arrivano dal giardino di via del Veltro, anche questo colpito a più riprese dalle fiamme e da atti vandalici negli ultimi anni, mentre non si contano gli imbrattamenti in varie zone, come piazza Hortis o piazza Carlo Alberto. Molte famiglie segnalano anche la presenza di adulti, che frequentano nelle ore serali i giardini, lasciando accanto ai giochi bottiglie vuote, avanzi di cibo e cumuli di mozziconi di sigarette. Per quanto riguarda Roiano i danni sono evidenti. Il fuoco è stato appiccato alla struttura in legno che sostiene lo scivolo e ha coinvolto in pochi minuti la scala e la pavimentazione, realizzata in tartan, materiale antitrauma, utilizzato proprio per la sicurezza dei piccoli fruitori della struttura. Alcuni residenti si sono accorti tempestivamente delle fiamme, divampate durante la notte attorno alle 3, allertando i vigili del fuoco, giunti subito sul posto. Per molte famiglie l'amara scoperta ieri mattina, quando molti bambini, prima di recarsi a scuola, hanno fatto una breve tappa al parco giochi, accolti però dal forte odore di bruciato e dal gioco impraticabile. La speranza di genitori e nonni è che venga tutto ripristinato rapidamente, perché, pur essendo uno spazio non molto grande, rappresenta un punto di ritrovo per tante famiglie nel rione. Su Facebook le segnalazioni di danni ai giochi arrivano spesso alla pagina "Scovazoni de Trieste", diventata una sorta di sfogo dei cittadini che inviano quotidianamente immagini scattate da tutta la città, per mostrare sporcizia e degrado. Le aree più critiche secondo i triestini sono piazzale Rosmini e il parco giochi del Giardino Pubblico, dove gli spazi per i bambini sono visibilmente rovinati ormai da tempo e in costante peggioramento. Micol Brusaferro