Sequestrati 86mila articoli natalizi

GRADISCA Franco Dugo è l'ospite più illustre del fine anno gradiscano: le opere recenti di uno dei più grandi incisori europei saranno, infatti, esposte alla Galleria d'Arte La Fortezza a partire da oggi. Il vernissage avrà inizio alle 18 e sarà accompagnato dalla presentazione critica di Cristina Feresin. La mostra rimarrà successivamente aperta al pubblico fino all'11 Gennaio con i seguenti orari: giovedì, venerdì e sabato dalle 10.30 alle 12.30 e dalle 17.30 alle 19.30 la domenica dalle 10.30 alle 12.30. A La Fortezza, Franco Dugo presenta una serie di paesaggi legati all'acqua: quella del mare, con alcuni tramonti dal golfo di Trieste, e quella dell'Isonzo, con le sue anse e gli argini alberati. Lavori, questi ultimi, che sono frutto di una ricerca inesauribile fatta di tematiche e tecniche sempre più raffinate; opere che mettono in luce lo straordinario talento di un artista in grado di cogliere l'anima dei soggetti trattati esplorando tematiche universali. ( l.m. ) Questo pomeriggio, alle 17, in piazza Candussi a Romans d'Isonzo, nell'ambito delle iniziative natalizie promosse in paese, si rifaranno vivi i "Babbi Natale in Vespa", con vin brulè e panettoni offerti dal locale Vespa Club "I Giglèrs". IN serata, alle 20.45, invece, all'auditorium "Mons. Galupin", ad ingresso libero, appuntamento con la musica: è in calendario infatti si terrà il concerto dal titolo "Cinzia canta Mina", con Cinzia Borsatti voce, Albert John Minney basso, Marco Fantin chitarre, Mattia Martincigh batteria, Danieele Russo piano e tastiere. Saranno un omaggio alla cantante Mina di cui saranno eseguite le sue canzoni. Seguirà un momento conviviale. Le manifestazioni natalizie proseguiranno lunedì prossimo, alle 18, nel palazzetto dello sport comunale, dove è in programma la recita di Natale organizzata dalla scuola primaria e sempre alle 18 nel bocciodromo comunale, auguri di Natale per il settore giovanile dell'Asd Pro Romans Medea. (e.c. )      di Francesco Fain wCAPRIVA Ormai è una consuetudine. Con l'avvicinarsi del Natale sono sempre di più i prodotti in commercio venduti in violazione delle norme contenute nel Codice del consumo (D.Lgs 205/2006) che, al fine di assicurare il diritto alla tutela della salute e alla sicurezza e qualità dei prodotti, definisce con chiarezza il contenuto minimo delle informazioni e le loro modalità di indicazione, la necessità che sia indicata la lingua italiana, nonché gli obblighi del produttore e del distributore. L'operazione della Gdf Negli ultimi giorni gli uomini della Guardia di finanza del Comando provinciale di Gorizia sono intervenuti più volte operando il sequestro, nei Comuni di Gorizia e Capriva del Friuli, di 86.000 articoli per la maggior parte natalizi (alberi di Natale, stelle, palline, ceramiche, cappelli di Natale, pupazzi in cera, fiocchi, biglietti d'auguri e decorazioni varie) posti in vendita, in due empori gestiti da un esercente di nazionalità cinese, senza le indicazioni riguardanti la tipologia di prodotto, il nome del produttore, il Paese d'origine, i materiali impiegati, le istruzioni per l'uso e la sicurezza. «Sono stati sequestrati anche articoli tessili (maglie, pantaloni, calze, etc.), casalinghi, bigiotteria (orecchini, ciondoli, braccialetti), prodotti per l'ufficio (cancelleria, borse). I prodotti, cautelati ai sensi dell'articolo 13 della legge 689/1981, hanno un valore complessivo di circa 25mila euro e rappresentano solo l'ultimo degli interventi eseguiti dalle Fiamme gialle isontine a tutela del commercio e dei consumatori», si legge in un comunicato stampa della Guardia di finanza. Le sanzioni comminate I rivenditori, a cui sono state comminate sanzioni, che potranno essere definite in misura ridotta con il pagamento di circa 4.000 euro in favore della Camera di commercio di Gorizia, se vorranno nuovamente esporre per la vendita i prodotti sequestrati, dovranno apporre l'etichetta con tutte le informazioni previste dalla legge. L'attività d'accertamento, fanno sapere ancora le Fiamme gialle, si pone a tutela non solo dei consumatori, che hanno diritto ad acquistare prodotti sicuri e con caratteristiche enunciate con chiarezza, ma anche dei rivenditori che rispettano le regole del mercato e che concorrono lealmente. I controlli da parte dei militari della Guardia di finanza, rientrano in un piano di ispezioni diretto dal Comando provinciale di Gorizia in un periodo dell'anno che registra un aumento dei consumi in vista delle festività natalizie nel cui ambito sono stati fin ora sequestrati circa 190.000 articoli per la maggior parte natalizi.