A Gradisca nasce un nuovo "Caffè d'arte"

Un nuovo spazio artistico va ad arricchire la già stimolante offerta culturale di Gradisca. E non è certo uno spazio qualunque dal momento che sarà ospitato dallo storico caffè Emopoli, vero e proprio simbolo della cittadina. "Caffè d'Arte Emopoli" è il nome della saletta espositiva, che sarà inaugurata domani alle 18 con un appuntamento particolarmente significativo, visto che il debutto è affidato a una quindicina di opere del compianto artista gradiscano Emilio Cargnelutti (nella foto una delle sue opere) messe a disposizione dalla famiglia, e la cui presentazione critica sarà affidata alla giornalista Cristina Feresin. Il progetto di fare dell'Emopoli un piccolo cuore pulsante dell'arte in centro città è nato dalla sintonia fra il nuovo gestore dello storico caffè, Angelo Burimi, e l'artista gradiscano Renzo Pagotto che curerà la direzione artistica della piccola galleria ricavata nel locale. L'intento dell'iniziativa, che gode anche della "benedizione" del Comune, è duplice, come spiega lo stesso Pagotto: «Premiare l'entusiasmo di un giovane e coraggioso imprenditore come Angelo e inserire questo spazio espositivo in un contesto che possa in qualche modo rinverdire il prestigio che la città ha sempre avuto nel campo dell'arte e della cultura». Il Caffè d'arte Emopoli va infatti ad arricchire un'offerta espositiva e un calendario dicembrino di prestigio assoluto: dalla Galleria Spazzapan alla Fortezza passando per le "Vie degli artisti. (l.m.)