In scena "Cyrano" e le Pari opportunità

I giovanissimi, il teatro e le pari opportunità, da conoscere, vivere e testimoniare. Domani dalle 10.15, all'Auditorium del Museo Revoltella, l'Istituto Comprensivo San Giovanni organizza, in collaborazione con la Commissione Pari Opportunità del Comune di Trieste e nell'ambito del Progetto della rassegna "Teatrando: dal rione alla città... all'Europa!", il convegno "Cyrano e le Pari Opportunità", dedicato agli studenti delle scuole secondarie di primo e secondo grado. Il convegno - dibattito, realizzato in rete con gli Istituti Deledda, Bergamas, Duino Aurisina, San Giacomo e Altipiano, partirà dal tema della diversità e dell'accettazione di se stessi e dell'altro, con analisi e riflessioni nate dal testo "Cyrano de Bergerac", con un'attenzione per il ruolo dell'arte quale strumento per il superamento di barriere e pregiudizi. La scuola Codermatz presenterà un lavoro, nato dal proprio laboratorio teatrale a cura di Ardea Cedrini e Julian Sgherla, sulle figure di Cyrano e Rossana, con brani a leggìo e video proiezioni tratte dallo spettacolo portato in scena dai ragazzi nella rassegna "Teatrando", e interventi musicali eseguiti dal gruppo strumentale della scuola diretto da Margherita Messina. "Tutte le nostre opportunità, un percorso a tutto tondo" è invece il titolo dell'intervento della Divisione Julia, con il resoconto di un laboratorio triennale sulla figura di Cyrano, che ha visto anche la nascita di uno spettacolo in francese proposto a "Teatrando". Studenti e docenti della Osnovna šola Srecka Kosovela di Sežana guideranno quindi gli spettatori in un viaggio alla scoperta dei temi dei diritti e delle pari opportunità analizzati affrontando testi di autori della letteratura slovena. I ragazzi della scuola Bergamas leggeranno poi alcuni loro racconti realizzati nel laboratorio di scrittura creativa, progetto in rete con la "Divisione Julia", il "Dante" e la "Addobbati". La Divisione Julia esporrà inoltre la ricerca fatta per la preparazione dello spettacolo "Un tè senza tempo", dedicato a figure femminili della scienza mondiale. L'Associazione "Oltre quella sedia" testimonierà infine un'attività tesa alle pari opportunità attraverso il superamento di barriere ed etichette. Annalisa Perini