Omaggio in tre sedi ai 50 anni artistici di Mario Palli

yySarà il pianista monfalconese Dimitri Candoni a inaugurare il nuovo ciclo di concerti che il Circolo lirico Beniamino Gigli di Monfalcone proporrà per la stagione musicale 2014-2015 nonostante la brusca chiusura del circolo annunciata un mese fa. L'offerta musicale del circolo "Gigli" verrà ospitata nella sede dei Musei provinciali di piazza De Amicis, a Palazzo Attems di Gorizia grazie alla disponibilità dimostrata dalla Provincia di Gorizia. Tra gli artisti ingaggiati per questa nuova stagione concertistica si segnalano la soprano cinese Shi Qi Qiao e il Trio Euterpe. Il primo concerto si terrà questa domenica alle 17, a ingresso libero. Il pianista Dimitri Candoni eseguirà brani di Scarlatti, Beethoven e Chopin. Una mostra diffusa, tre tappe di uno stesso progetto che vedono protagonisti Mario Palli e la città di Gradisca. Un percorso d'arte per rinnovare la vocazione culturale di Gradisca, cittadina che si presta perfettamente, anche sotto il profilo architettonico e urbanistico, ad ospitare eventi dislocati su più sedi, creando così una sorta di circuito artistico. "Trasparente silenzio", questo il titolo del progetto dedicato all'artista Mario Palli dal circolo culturale Gradisc'arte che apre i battenti sabato alle 18 (contemporaneamente nelle tre gallerie La Fortezza, L'Atelier e "Studio 57"), inaugura così l'idea di una più ampia diffusione sul territorio di esposizioni e appuntamenti con l'arte. La scelta su Mario Palli, goriziano ma gradiscano d'adozione, ricade anche per omaggiare l'artista nel cinquantesimo anniversario dalla sua prima mostra e fare il punto sulla sua ricerca artistica. L'iniziativa si pone come obiettivo un confronto critico tra le opere realizzate da Palli dagli anni '80 in poi, non un'antologica, si può parlare piuttosto di una verifica sul suo lavoro e sulle dinamiche che ne hanno determinato i cambiamenti attraverso un accostamento serrato tra opere di periodi diversi. Un triangolo espositivo, questo, che permetterà di comprendere al meglio la sua ricerca, le sue tematiche, i suoi cicli: dalle sinopie, ai palinsesti, alle carte. Un percorso volutamente non cronologico in cui Palli predilige il confronto tra tecniche, idee e sviluppo artistico maturato nel corso degli anni. Alla galleria "La Fortezza" di via Ciotti, Palli proporrà una serie di opere in cui le sovrapposizioni e i sedimenti, "di colori e di tempo", come ricordato dal curatore dell'iniziativa Fulvio Dell'Agnese, entrano in relazione, cercano un dialogo per capire se la continuità del segno, nella diversità del tempo, funziona ancora. Continua dell'Agnese: «nei lavori di Mario Palli è altrettanto costante ed essenziale il trasparente di una scrittura – meditata stesura pittorica o riflesso di luce – dal fondo dell'opera». L'esposizione prosegue nello spazio espositivo "L'Atelier" di via Bergamas, dove verranno esposte delle raffinate carte degli anni '80 e '90 accanto a polittici su tela attuali, mentre nello "Studio 57" di via Battisti si potrà entrare in diretto contatto con l'ambiente creativo dell'artista. "Trasparente silenzio" resterà aperto fino al 19 novembre da giovedì a sabato dalle 10.30 alle 12.30 e dalle 17.30 alle 19.30, domenica solo in mattinata. Cristina Feresin