Due tricolori di società alla Canottieri Timavo e uno alla Saturnia

di Maurizio Ustolin wTRIESTE Una full immersion remiera, quella sul Lago di Candia, con triestini ed in genere i vogatori regionali autentici protagonisti, che ha richiamato nel week-end 1.500 vogatori impegnati da venerdì a domenica nel Campionato italiano di società, Il Gran premio dei giovani-Meeting delle Regioni e nel Meeting nazionale allievi e cadetti. Nell'evento che assegnava il titolo tricolore per società (gare riservate ad atleti che nel corso della stagione non hanno vestito la maglia azzurra), due titoli per i monfalconesi della Canottieri Timavo e uno per i triestini della Canottieri Saturnia. Ha conquistato il gradino più alto del podio l'otto femminile del Saturnia (de Petris, Lonzar, Maltese, Piccione, Ruggiu, Verrone, Zolli, Visintin, timoniere Gioia), che ha regolato nell'ordine Gavirate e Moto Guzzi giunte a 2" e 7" a ridosso delle triestine, la maggior parte delle quali già campionesse d'Italia juniores. Due i titoli per i monfalconesi della Timavo: il primo ad opera di Matteo Romano (già campione di società 2013 e vicecampione assoluto 2014) che dominava la sua finale davanti a due atleti del Clt Terni, ed il secondo per il quadruplo maschile di Paride e Samuele Centazzo, Maiello, Cernic. Si sono rifatti in questa occasione del titolo sfuggitoli al Campionato italiano juniores: precedevano infatti nell'ordine Padova e i triestini del Circolo marina mercantile Sauro, cioè Milos, Donat, Morosinato e Persoglia. Tesserata per la Canottieri Padova, si è laureata campionessa d'Italia di Società anche l'azzurra (in Coupe de la jeunesse), Molinaro. Medaglia importante, quella di bronzo, al Campionato, anche per il 2 senza del Saturnia di Ferrari e Parma di pochissimo alle spalle di Gavirate e Cerea. Grosse soddisfazioni tra i più giovani al Meeting delle Regioni. «Possiamo ritenerci molto soddisfatti - sono le parole del presidente del Comitato regionale della Federcanottaggio Max d'Ambrosi - per i risultati di sabato e domenica sul Lago di Candia al Meeting delle Regioni: 4° in classifica generale, ma 2° in quanto a medaglie d'oro conquistate, il Friuli Venezia Giulia si rivela in questo finale di stagione come la regione con il miglior movimento giovanile in Italia in rapporto al numero di società e tesserati, a ridosso della Lombardia». Un Meeting delle Regioni con un buon numero di partecipanti quello di sabato e domenica sul lago piemontese, con una squadra regionale molto competitiva, che andava sul podio in tutte e 10 le specialità presentate. Era oro per il singolista cadetti Gruden, il doppio cadette Simicevic e del Torre, il 4 di coppia Zemolin, Paulotto, Schintu, Macor, ed il 2 senza di Flego e Prelazzi. Conquistavano l'argento il 4 senza ragazzi di Bullo, de Rogatis, Quartana e Kiraz, ed il bronzo il doppio cadetti di Colognatti e Verrone, il 4 senza cadetti Catalini, Gregori, Bossi e Natali, il 4 di coppia cadette Andiloro, Fabbro, Brassi, Baruffo, il 4 di coppia ragazzi Ferrio, Pengue, Scaini, Pavon, ed il 4 di coppia ragazze Piccione, Visintin, Matijacich, Gioia. «Direi un ottimo lavoro di squadra - prosegue d'Ambrosi -: dopo la vittoria importante all'Esagonale giovanile della scorsa settimana a Venezia». ©RIPRODUZIONE RISERVATA