Timavo, lo "speleomistero" è ai Fabbri

Lo scorso agosto il team di speleosub della Federazione francese di studi sottomarini capitanato da Claude Touloumdjian, il Jacques Cousteau della speleologia subacqua, ha trascorso una settimana su invito della Società Adriatica di Speleologia di Trieste ad esplorare l'abisso di Trebiciano. Un'impresa coronata dal successo, poiché sono riusciti a trovare nuove gallerie sommerse, tracciando quindi nuove rotte per decifrare quello che è considerato il grande speleo-mistero d'Europa. Hanno infatti aggiunto – a vent'anni di distanza dalla precedente spedizione - un tassello importantissimo per capire come si sviluppa il percorso sotterraneo del fiume Timavo, tra la foce e la cattura del fiume alle grotte di San Canziano. Questa sera alle 21, al cinema dei Fabbri, verrà proiettato e presentato il lungometraggio con le tappe salienti della Timavo System Exploration 2013. Marco Restaino dell'Adriatica di Speleologia ne delineerà la fasi operative, mentre al termine ci sarà un aggiornamento sulla spedizione 2014. Presenti il regista Benjamin Guignet, il tecnico per i filmati subacquei Reuel Cincotta e Giacomo Marsi, per il montaggio. Oltre al team di speleo sub impegnati proprio in questi giorni nella fase due del progetto. (pat. picc.)