Senza Titolo

incombenze. Si potrà essere semplicisti, ma il dissertare sulla questione apparentemente complessa poteva essere risolta con estrema facilità. Quanto al metodo inusuale adottato da Renzi e della maggioranza del Pd, per cui anche un simpatizzante comincerebbe ad avere qualche perplessità, ebbene sono uno dei tanti malcapitati "sinistrorsi" che ha votato per lui alle recenti Primarie riconoscendogli prontezza, decisione, eccetera ma dopo il "siluramento" in quel modo inaccettabile del presidente Letta, una persona di certo non sprovveduta, il mio giudizio su Renzi è del tutto negativo. Infatti, dopo aver appreso da lui stesso che si sentiva pervaso «da un' ambizione smisurata» mi sono amaramente pentito di averlo votato. Non si può per ragioni di spazio trasferire in toto i pensieri drastici che attraversano la mia mente su esseri "umani" così ambiziosi e insensibili. Suppongo ci sia ben poco di buono d'aspettarsi per il prossimo futuro! Bruno Strukel scuola Inseriamo nuove materie nIn questa società confusa, senza più valori sicuri e con famiglie allo sbando, gli italiani avrebbero bisogno fin da piccoli di aiuti validi per una crescita sana. Purtroppo non c'è alcuna riforma che li riguardi. Ai politici chiedo che nella scuola, oltre al puro nozionismo, vengano introdotte materie basate sulla realtà, cioè: un'ora la settimana di psicologia nella quale il minore venga spinto a guardarsi dentro, a capire i propri dubbi e le proprie ansie, e quello che aspira nel futuro. Imparerebbe a conoscere meglio i compagni e verrebbero eliminati bullismo e violenza; un'ora la settimana di studio del proprio corpo e del benessere dovuti al cibo giusto e a movimenti mirati; un'ora la settimana per imparare il valore dei soldi, i consumi, i risparmi, il potere delle banche e che cosa è la Borsa. E imparare la differenza fra lavori manuali e non. E un'ora la settimana per imparare i doveri e i diritti dei minori, che gli adulti continuano a calpestare specie quando non danno la possibilità di frequentare regolarmente e senza alcuna differenza sia il padre e la famiglia paterna sia la madre e la famiglia materna. Irene Rinaldi società dei concerti L'incarico a Baldini nDi recente il Piccolo ha dedicato una qualche attenzione alle vicende interne della Società dei Concerti. In quanto presidente di questa Società, ritengo doveroso sottoporre alcune informazioni sull'operato di Giovanni Baldini che - pur essendo ancora membro del consiglio direttivo - lamenta in altre sedi le circostanze in cui si è ritenuto di sollevarlo, prima dall'incarico di segretario e successivamente di direttore artistico della società. Anzitutto tengo a sottolineare che a Baldini il consiglio direttivo ha rimproverato di aver operato senza tenere i necessari e conclusivi contatti con il presidente e con il tesoriere al fine di assicurare la compatibilità con il bilancio degli impegni economici che andava prendendo. Baldini sostiene che questo non corrisponde al vero, ma nel corso delle recenti vicende egli ha sempre rifiutato anche per iscritto di sottoporre la sua attività a "supposti supervisori" nell'ambito delle norme statutarie della Società. Inoltre Baldini sostiene di avere prestato la sua opera sempre gratuitamente. Orbene, è regola che nell'ambito delle associazioni di volontariato i soci, anche se preposti a organi direttivi, sempre operano senza corresponsione di compenso. Infine, ripetutamente Baldini ha preso accordi con terzi andando aldilà dei limiti di impegno finanziario derivanti da regole di buona e corretta amministrazione, per esempio dall'organizzazione della serata beethoveniana alla gestione dell'attività di pubblicità del programma della Società. Nello Gonzini patente Ritardo incomprensibile nCome ogni anno, per l'età e per varie patologie, sono obbligato a rinnovare la patente alla commissione medica patenti. Quest'anno mi è stato rilasciato il foglio provvisorio in data 17 dicembre e dopo ben settanta giorni non ho ancora ricevuto il famoso tagliando adesivo che mi permetterebbe di andare anche all'estero. Alle varie telefonate fatte al numero verde di solito viene scaricata la colpa sulle poste, però già la spedizione, secondo il ministero dei Trasporti di Roma, è stata fatta a fine gennaio, cioè quarantacinque giorni dopo l'esame. Questi incomprensibili ritardi sono gravi per tutti e più che mai per coloro che, come il sottoscritto, devono ripetere il tutto ogni anno. Ritengo ingiusto dover rinunciare a due mesi e più di possibilità di viaggiare pur avendo pagato bolli e visita medica come gli altri. È un problema che si trascina da troppo tempo e sarebbe gradita una risposta da parte di qualcuno. Il paradosso inoltre è che, pur non avendo ancora una patente in regola, presto dovrò prenotare la prossima visita 4 o 5 mesi prima della scadenza. Secondo me la cosa che, più di tutto, sembra una vera presa in giro è che sulla busta che mi arriverà con l'agognato tagliando è stampato in grande quale motto "Sulla buona strada"... Vito Neri tasse / 1 Le aliquote dell'Irpef nQuando l'Irpef era stata istituita la forbice delle aliquote andava dal 18% al 55 %. Attualmente si va dal 23 al 43%. C'è stato un appiattimento a danno dei meno abbienti e a favore dei ricchi. Secondo me è possibile istituire una nuova aliquota (ipotizzo) del 48% oltre - per esempio - i redditi di 120.000 euro. Su uno stipendio di 150.000 euro la maggiore imposta sarebbe di soli 1.500 euro. Questi contribuenti praticamente non avrebbero alcun pregiudizio. Prendiamo lo stipendio di 300.000 euro di un alto dirigente della pubblica amministrazione o della magistratura: pagherebbe solo 9.000 euro in più all'anno. Invece di 122.000 euro d'imposta (aliquota media 40,7%) sarebbero 131.000 (43,7%). Avrebbero netti, mensili, 14.083 euro invece che 14.833: non ne risentirebbe il loro tenore di vita. Prendiamo adesso un presentatore tv o un calciatore che guadagna due milioni annui. L'aumento del 5% dell'aliquota porterebbe l'imposta da 853.000 (aliquota media 42,6%) a 947.000 (+94.000). Rimarrebbe un netto annuo dal precedente 1.147.000 a 1.053.000 euro. Non si accorgerebbero neppure della differenza. Claudio Carlisi tasse / 2 La Tares sulle case sfitte nQueste colonne hanno già ospitato diversi interventi di lettori che protestavano per il metodo adottato dal Comune per il calcolo della tassa sui rifiuti per le case sfitte. A queste abitazioni, infatti, è stato attribuito lo stesso numero di abitanti della casa principale, inventandosi così dei contribuenti inesistenti. Gradirei molto se qualche responsabile del Comune intervenisse su queste colonne per chiarire se questa iniqua metodologia di calcolo verrà cambiata nel calcolo delle tasse per il 2014. Tullio Poldrugo movida Il sonno e gli stranieri nVorrei sapere se il termine della movida alle 23 riguarda solo gli italiani e i triestini, e non gli stranieri, dato che per loro da più di due anni e mezzo la musica prosegue giorno e notte. Nessuno delle forze dell'ordine mi sa dare una risposta? Federica Rettico olimpiadi L'assistenza della Rai nVorrei esprimere la mia opinione sulla decisione della Rai di non trasmettere le Olimpiadi invernali nemmeno nella forma delle cento ore. La televisione di Stato, finanziata in parte dal canone pagato dalle famiglie, avrebbe potuto optare per una scelta diversa. In una società in cui i valori tendono a svanire sfociando in un apatico annoiarsi, trasmettere tale programma non sarebbe stato solo dare informazione su un evento internazionale e un riconoscimento ai molteplici atleti che l'Italia vanta, ma avrebbe permesso alle famiglie di riunirsi in un sano tifo e ai giovani di guardare un programma quasi educativo. Formativo in quanto testimonianza che nella vita ci possono essere degli obiettivi che possono essere raggiunti con l'applicazione, la costanza attraverso i valori umani, i valori di squadra e l'amore per la vita. Lo sport è un mezzo che può essere usato come stimolo per il risultato scolastico, è un ottimo ambiente per socializzare, per imparare a gestire le emozioni, per condividere gioie e imparare a gestire le sconfitte. La società prima di tutto dovrebbe riconoscere ciò che fa bene alla crescita dell'individuo. Cristiana Scoppetta Referente Ans (Ass. Naz. Sociologi) per il Fvg RINGRAZIAMENTO La cortesia, la competenza, la professionalità ma soprattutto la grande umanità trovata presso gli uffici Inps nella persona della signora Godini, sarà difficilmente dimenticabile. Un grazie con riconoscenza. Adriana Macorin