La Picasso raddoppia, ora a sette posti

LUNGHEZZA 4,59 m BAGAGLIAIO fino a 1.843 l MOTORI b. 1.6; d. 1.2 e 2.0 POTENZA da 92 a 156 Cv CONSUMI da 3,8 a 6,3 l/100 km CO2 da 98 a 145 g/km LISTINO da 24.300 euro di Roberto Torti Mentre articola con sempre maggior nettezza la gamma tra le due linee di prodotto (la tradizionale C e la stilosa Ds), la Citroen mantiene in vita con successo anche un brand trasversale – Picasso – che dalla Xsara a oggi, in poco più di 15 anni di vita, ha significato per la casa francese un ruolo di primo piano nella storia della monovolume e un significativo boom di mercato: tre milioni di pezzi venduti nel mondo. La famiglia Picasso ritocca ora il suo alto di gamma con la nuova versione della Grand C4, i cui contenuti tecnologici – più ancora dei già evidenti ritocchi stilistici – segnano un passo importante nella strategia Citroen. Tra le cinque motorizzazioni disponibili (due a benzina e tre a gasolio), infatti, spicca il nuovo 2.0 diesel con tecnologia BlueHdi, che oltre al filtro antiparticolato monta anche il sistema Scr che abbatte gli ossidi d'azoto: ne risulta un rapporto tra prestazioni, consumi ed emissioni del tutto inedito per la categoria. Questo motore, inoltre, è già adeguato alla normativa Euro6. Di grande effetto è anche la tecnologia sul cruscotto, dove convivono due grandi schermi (uno a controllo touch) con cui manovrare tutti i dispositivi di bordo e avere sott'occhio un gran numero di informazioni. "Technospace" è del resto la linea-guida di questa vettura a 7 posti che, grazie ai nuovi contenuti, lancia la sua sfida anche a concorrenti di classe superiore. Il passo allungato a 2,84 m (superiore a quello della C8) ha consentito di raggiungere diversi primati di abitabilità per il segmento. Il bagagliaio è il più grande della categoria (sfiora i 700 litri) e nasconde la terza fila di sedili che può essere estratta con una semplice manovra. I sedili della seconda fila (aumentato lo spazio per le ginocchia) sono tutti indipendenti e, nell'opzionale pack lounge, quello del passeggero si trasforma in una vera e propria poltrona con tanto di poggiapiedi. Notevole la dotazione di sicurezza, dal sistema di regolazione della velocità attivo (attraverso un radar nel paraurti anteriore rileva il rallentamento del veicolo che precede) all'allarme per il rischio collisione, dall'accensione e spegnimento automatico degli abbaglianti all'avviso di superamento della carreggiata (il conducente viene avvisato attraverso la vibrazione della cintura di sicurezza). Inedito anche il sistema di sorveglianza dell'angolo morto, mentre l'Intelligent traction control migliora la motricità sui terreni a scarsa aderenza. All'esterno alcuni nuovi particolari differenziano la Grand C4 Picasso (che gode anche della ormai proverbiale maxi-superficie vetrata) dal corrispondente modello a cinque posti: tra questi i nuovissimi fanali posteriori a Led con effetto 3d, che richiamano la C che dà il nome alla serie. Prezzi tra 24.300 a 30.800 euro. @Roberto__Torti ©RIPRODUZIONE RISERVATA