brevi

gran Bretagna Poster italiano sessista I caffé inglesi lo tolgono Tre giovani guardano il fondoschiena di una donna che passeggia. Apriti cielo. Chi l'ha ideato voleva promuovere la «cultura italiana» ma ha scatenato la furia delle donne inglesi. Risultato: il poster «sessista», appeso nei locali della celebre catena "Caffé nero", è sparito. INDIA Parte la prima missione low cost su Marte Se avrà successo sarà il viaggio su Marte più a buon mercato nella storia delle imprese spaziali. A finanziarlo è l'India che si conferma il Paese del "low cost" in tutti i settori. La missione verso il pianeta rosso, a caccia di metano e altre preziose informazioni, è programmata per domani pomeriggio dalla base spaziale di Sriharikota, sulla costa orientale. brasile Battisti conferenziere pagato dal governo "Chi ha il diritto di parlare". È il tema del seminario organizzato da un'università brasiliana cui parteciperà lo "scrittore in esilio" ed ex terrorista Cesare Battisti che, in veste di conferenziere riceverà un compenso di 1.500 Real, circa 500 euro, finanziato direttamente dal ministero dell'Educazione. Sul web è montata subito la polemica. NIGERIA Attacco al corteo nuziale, trenta morti È di più di trenta morti tra cui lo sposo il bilancio di un attacco armato contro un convoglio nuziale nel Borno, nel nordest della Nigeria. L'agguato, per il quale si sospettano i guerriglieri islamici di Boko Haram, è avvenuto lungo la strada Bama-Banki mentre il convoglio di sposi, parenti e amici stava rientrando a Maidiguri, capitale del Borno, da Michika, nel vicino Stato di Adamawa. La strada passa tra le foreste che sono note per essere dei nascondigli dei militanti di Boko Haram. La scorsa settimana sospetti estremisti hanno attaccato un checkpoint militare sulla strada provocando quattro morti. germania Snowden: «Datagate, avevo ragione io» «Le richieste di più controlli sui servizi di intelligence dimostrano che avevo ragione nel rivelare i metodi e gli obiettivi dei servizi segreti Usa». Edward Snowden torna a parlare e lo fa attraverso il settimanale tedesco Der Spiegel pubblicando un "Manifesto per la verità". Intanto, sempre in Germania, cresce il fronte di chi vorrebbe accogliere la "talpa" del Datagate. "Asilo per Snowden: benvenuto Edward!", è l'appello firmato da oltre 50 personalità della politica, della cultura e dell'impresa tedeschi, che chiedono al governo di dare asilo a Snowden per il servizio reso all'Occidente.