Salta la trattativa per la Berco, 611 licenziati

Salta la trattativa per la Berco. Al termine di una lunghissima giornata, iniziata alle 12 di giovedì e conclusasi poco dopo le 2 di notte, non c'è stato nessun accordo tra la multinazionale tedesca del gruppo Thyssen e i sindacati italiani sulla gestione dei 611 esuberi annunciati dall'azienda. Un'intesa andata a vuoto nonostante la mediazione del governo che aveva messo sul tavolo del confronto un'ipotesi che prevedeva una riduzione degli esuberi, 1 anno di cigs a rotazione e una serie di misure di ricollocazione, di incentivazione all'esodo e al pensionamento anticipato a fronte della rinuncia per 2 anni del premio di risultato. Ma l'azienda ha opposto un nuovo no, senza arretrare di un passo su quota 611. «La Berco ha fatto marcia indietro ed è responsabile della rottura», denuncia senza mezzi termini il sottosegretario al ministero dello Sviluppo, Claudio de Vincenti. Proclamato uno sciopero a oltranza.