Franchin, premiata per competenza e passione

TRIESTE «Sono un maschilista, ma nel mio lavoro sono sempre stato circondato da donne. Con Barbara abbiamo intrapreso un'avventura difficile ed è merito suo se siamo arrivati fin qui». Renzo Rosso non si smentisce e rompe l'ufficialità della cerimonia, ieri sera in consiglio comunale, poco prima della festa in Pescheria, quando a Barbara Franchin è stato consegnato il premio "Elca Ruzzier", riconoscimento che la commissione Pari Opportunità del Comune assegna a donne che si sono distinte nelle arti e nelle professioni. A festeggiarla, insieme ai suoi collaboratori e al patròn di Diesel - fin dall'inizio sponsor del concorso "Its" - il vicesindaco Fabiana Martini, gli assessori Elena Marchigiani e Laura Famulari, la presidente delle Pari opportunità Ornella Urpis e il senatore Francesco Russo. Idealmente presente anche la governatrice Debora Serracchiani, che a Urpis ha affidato un messaggio scritto: «Barbara Franchin - ha detto - incarna il fare femminile che declina competenza e passione, il ruolo vincente della donna oggi». Al centro della cerimonia, il ricordo della figura di Elca Ruzzier, cui il premio è intitolato, profondamente impegnata nel sociale, fondatrice del Goap e sempre in prima linea per la tutela dei diritti delle donne. Nel segno della sua testimonianza, la commissione Pari opportunità, nel 2006, ha deciso di istituire un premio, rivolto a donne - come ha sottolineato Urpis - che sappiano coniugare impegno e solidarietà e, nel caso di Barbara Franchin, in particolare rivolte al mondo dei giovani. Agli apprezzamenti del mondo istituzionale locale, si è unito quello del senatore Russo, che ha parlato di Barbara come di «una figura di incoraggiamento per i giovani triestini, che devono poter guardare al futuro con speranza, credendo nelle proprie capacità, mettendosi in gioco e rischiando anche un po', ma con la fiducia di riuscire a mettere a frutto i propri talenti e realizzare i propri sogni senza dover fuggire all'estero». «Sono imbarazzata e onoratissima - ha detto in chiusura Franchin - e voglio condividere questo momento con tutto il mio staff. "Its" testimonia che tutto si può fare se c'è volontà, determinazione e passione. Invito tutte le donne a credere in se stesse e a non rinunciare ai propri progetti».