ARCHIVIO il Piccolo dal 2003

Giovani ingegneri in Rete

L’intuizione è nata a Stoccolma. Ma si è concretizzata in Italia e ora è una delle aziende insediate in Area Science Park, a Trieste. Athonet è una startup specializzata nello sviluppo di sistemi avanzati per telecomunicazioni mobili, fondata da Karim El Malki e Gianluca Verin, che nel 1999 si sono conosciuti nel quartier generale della Ericssoon, in Svezia. Dopo alcuni anni, i due ingegneri decidono però di lasciare la compagnia svedese, per realizzare il loro sogno nel cassetto e inseguire quella intuizione che gli è valsa, recentemente, il conferimento di una medaglia del Presidente della Repubblica. I fondatori di Athonet sono stati premiati in occasione del Nuvolaverde Day, lo scorso 25 giugno, per aver ideato “Primo” (PRIvate MObile), una rete mobile compatta, superveloce e trasportabile che è stata messa a disposizione della Protezione Civile del Friuli Venezia Giulia durante il terremoto in Emilia, consentendo una connessione mobile a banda larga nelle aree colpite dal sisma. Il sistema è stato infatti installato sul tetto della scuola media di Mirandola e ha fornito connessione internet e un numero di telefonia fissa alla direzione del campo. Garantendo inoltre l’accesso agli abitanti, che così hanno potuto comunicare anche in una situazione di estremo disagio. È il 2005 quando El Malki e Verin intuiscono che la trasmissione di dati subirà una crescita esponenziale e i sistemi di rete mobile dovranno, inevitabilmente, garantire più efficienza, migliori prestazioni e più semplicità nelle architetture di rete. Fondano così Athonet. Sembra una delle storie pionieristiche della Silicon Valley americana, ma questa volta i protagonisti sono italiani e in Italia hanno deciso di tornare, dopo molti anni di esperienza all’estero. Con Primo hanno in pratica perfezionato il sistema cellulare a larga banda di terza e quarta generazione, rivoluzionando il concetto di rete mobile locale e superando i limiti delle reti Wi-Fi. È inoltre facile da installare, trasportabile e dai consumi energetici molto bassi. (s.re.)