Trieste pronta a ripartire dalla B

di RICCARDO TOSQUES


TRIESTEL'hockey pista è pronto a tornare a Trieste.
La disciplina sportiva che negli anni d'oro ha regalato al capoluogo giuliano qualcosa come 20 scudetti sta per rinascere. Fautore di questa impresa è una delle figure internazionali più leggendarie dell'hockey su rotelle: Enzo Mari.
Lo storico ex numero uno della nazionale azzurra nonché pluricampione italiano con la maglia della Triestina, grazie ad una sinergia instaurata con l'Edera del presidente Mauro Ladavaz, ha creato i presupposti per l'iscrizione di una squadra al prossimo campionato di serie B.
«L'iscrizione formale non è stata ancora fatta (c'è tempo sino al 31 luglio ndr) ma posso tranquillamente affermare che il progetto c'è ed è concreto: indietro non si torna», ha commentato Mari.
Per ora le certezze sono parecchie ma il progetto sta anadando avanti.
Il nome della squadra sarà quello dell'Edera, sodalizio vincitore di un titolo tricolore nel lontano 1948, mentre il campo da gioco sarà la palestra Foschiatti di via Boegan, la stessa che ospita gli incontri casalinghi della squadra di hockey inline rossonera.
L'allenatore sarà molto probabilmente Alessandro Galli, che a breve conseguirà il patentino per sedersi in panchina.
Ancora in fieri invece la formazione: «Per ora la squadra è formata per circa il 70% ed è composta da atleti esclusivamente triestini con quattro giovani diciottenni, un ragazzo di 24 anni e due over 30».
Al momento attuale Mari non ha voluto fare nomi ma ha parlato di atleti «con un bagaglio di esperienza da serie A».
Per completare la squadra uno degli obbiettivi principali è sicuramente l'acquisto di un secondo portiere. A tale proposito è probabile che ora la società dovrà attingere due o tre giocatori da qualche piazza extra cittadina, con particolare riguardo per quanto concerne Udine, Pordenone e Gorizia. «Il mese di luglio sarà decisivo per colmare le lacune attuali - ha confermato Mari- come ad esempio la ricerca di un paio di dirigenti, figure fondamentali per affrontare una stagione agonistica».
Il cruccio maggiore resta però quello di partenza: il lato economico. «Ho ricevuto diversi segnali positivi a riprova che la rinascita dell'hockey pista potrebbe davvero essere un input importante per Trieste, ma confido che uno sponsor ufficiale possa aiutare l'Edera ad affrontare con maggior serenità il prossimo campionato».
Il torneo di serie B attualmente dovrebbe essere composto dalle seguenti squadre: Trissino, Valdagno, Breganze, Bassano 54, Roller Bassano A, Roller Bassano B, Gs Pordenone, Montecchio Maggiore e Montecchio Precalcino.
Un campionato quindi formato da squadre provenienti perlopiù dal Veneto, trasferte dunque sostanzialmente accessibili.
«La voglia c'è, il progetto anche ed ora anche l'ossatura della squadra è pronta -ha concluso Mari- speriamo che le istituzioni non si dimentichino di quello che l'hockey pista ha dato alla città».
RIPRODUZIONE RISERVATA