EZRA POUND: «IL MIO FASCISMO ERA ONESTO»

Tra i documenti del Controspionaggio americano, custoditi negli Archivi nazionali statunitensi di College Park, nel Maryland, il ricercatore storico Mario J. Cereghino ha rinvenuto alcune carte che riguardano il caso Ezra Pound. Tra queste, anche la dichiarazione che il poeta dei "Cantos" rilasciò agli agenti che lo trassero in arresto nel 1945. I documenti possono essere consultati, in copia dell'originale, nell'archivio Casarrubea di Partinico, in provincia di Palermo. O sul sito www.casarrubea.wordpress.com.

Faccio la seguente affermazione a Ramon Arrizabalena e a Frank L. Amprim. Ramon Arrizabalena si è identificato come agente del corpo di Controspionaggio della 92.a divisione dell'Armata degli Stati Uniti; Frank Amprim si è identificato come agente speciale dell'Fbi degli Stati Uniti. Non mi sono state fatte minacce né promesse di alcun tipo da nessuno né direttamente nè indirettamente e mi è stato detto che non sono obbligato a fare nessuna affermazione se non ne ho voglia. Questa affermazione è volontaria. Mi è anche stato detto che questa affermazione può essere usata contro di me in tribunale.
Il mio nome per intero è Ezra Loomis Pound. Sono cittadino americano. Non ho mai rinunciato alla mia cittadinanza. Sono nato a Hailey, Idaho, Stati Uniti il 30 ottobre 1885. Ho vissuto negli Stati Uniti fino al 1908 quando mi sono trasferito a Londra, Inghilterra dove ho vissuto fino al 1920 facendo lavori da libero professionista. Dal 1920 fino al 1924 ho vissuto a Parigi in Francia dove ho composto l'opera "Villon" e ho scritto recensioni sull'arte e sulla musica. Nel 1924 mi sono trasferito a Rapallo, Italia, dove ho vissuto fino al maggio 1944, data in cui sono stato costretto per ordine militare di evacuare la mia casa. Mi sono trasferito a Santo Ambrogio 60 che è il mio indirizzo attuale.
Durante il tempo in cui ho vissuto in Europa, ho spesso visitato Roma e dopo l'ultima guerra ho notato il rinascimento o ringiovanimento della nazione. Io e mia moglie abbiamo sottoscritto 25mila lire a testa al primo prestito del Littorio ma non mi ricordo più in quale data. La mia intenzione era di offrire a Mussolini "un affare onesto", notando le buone opere che ha fatto. Intorno al 1929, ho avuto un'udienza con Benito Mussolini che era a conoscenza del mio libro "Guido Cavalcanti" che gli avevo presentato l'anno prima. Lui pensava di discutere di quello, ma io invece gli ho sottoposto una serie di domande di argomento economico molto incalzanti.
Intorno al 1929 ho concesso un'intervista a un certo Francesco Monotti, giornalista del "Lavoro Fascista". Durante quest'intervista ho dichiarato che l'Inghilterra era morta e che i suoi cadaveri giacevano per le strade; che la Francia era anche morta ma che aveva la decenza di sotterrare i propri cadaveri; che l'Italia era l'unico paese dei tre dove si svolgesse qualche attività.
Intorno al 1935 venne pubblicato il mio libro "Jefferson and Mussolini". In questo libro ho fatto notare che il fascismo fu il modo di Mussolini di proporre un "Nuovo Affare" per l'Italia e confrontavo il suo metodo con quello di Jefferson.
Infine, ho preso contatto con il ministero della Cultura Popolare a Roma, Italia, durante l'anno 1939 mentre ero in visita a Roma. In quell'occasione mi sono messo in contatto con il capo del ministero della Cultura Popolare, Alessandro Pavolini. Gli ho fatto avere una lista di cinque proposte. Ha detto che non era interessato a nessuna di quelle proposte se non a quella in cui dicevo di voler parlare alla radio italiana allo scopo di sottolineare il lavoro valido che Mussolini ha fatto in Italia.
Nella primavera di 1940 fui invitato a Roma dal signor Interlandi e più tardi dal signor Paresce del ministero Italiano della Cultura Popolare per discutere la proposta di parlare alla radio italiana. Sono arrivato a Roma nella primavera del 1940 e ho chiesto se era possibile parlare con i popoli americano e inglese attraverso la radio italiana. Alla fine mi è stato concesso di fare due trasmissioni alla settimana per gli Stati Uniti e una alla settimana per l'Inghilterra. Non è stato stipulato nessun contratto scritto.
Ho cominciato a collaborare alla radio italiana verso l'estate del 1940. Ho lottato continuamente per avere più tempo in modo da comunicare i miei ideali ai popoli amicano e inglese. All'inizio, per un tempo molto breve, parlavo in onda direttamente»: una volta, però, ho fatto dei commenti alla fine del mio discorso che non erano previsti nel copione, ma erano semplicemente una ripetizione del discorso principale, e mi è stato ordinato da Paresce di registrare i miei discorsi su un dischetto, dopo di che il dischetto era ritrasmesso in onda.
Ho ricevuto 350 lire per le trasmissioni fatte da me, o direttamente o incidendo la mia voce sul dischetto, e per gli articoli letti da altri ho ricevuto 300 lire. Questi soldi mi vennero pagati dal ministero italiano della Cultura Popolare, che faceva parte del governo fascista. Il ministero autorizzava l'Ufficio della contabilità di spedirmi per posta un cosiddetto ‘mandato' a Rapallo, Italia, dove vivevo. Io portavo il mandato all'ufficio delle imposte a Rapallo dove, dopo aver firmato una ricevuta, sono stato pagato con la cifra segnata nel mandato.
Durante il 1942 e la prima metà del 1943, a Rapallo, scrivevo circa venti o ventuno manoscritti per discorsi radiofonici e poi andavo a Roma alla sala registrazioni dell'Ente Italiano Audizioni Radiofoniche e registravo i miei discorsi su un dischetto, in modo che potessero essere ritrasmessi. Di solito restavo a Roma circa tre settimane e facevo tre trasmissioni al giorno. Ho fatto queste trasmissioni solo dopo l'approvazione dei miei manoscritti da parte del signor Ungero, vice-capo della sezione radiofonica del ministero italiano della Cultura Popolare. Può darsi che il ministero abbia copie dei manoscritti che usavo per fare dischetti per le mie trasmissioni radiofoniche.
Nel 1942 e 1943 ho inciso trasmissioni su dischetti circa tre o quattro volte alla settimana. Le trasmissioni erano gestite e sponsorizzate dal ministero delle Cultura Popolare ma sono state mandate in onda dall'Eiar a Roma. L'Eiar era un'azienda indipendente privata parzialmente sotto il controllo del governo.
Alcune di tali trasmissioni sono state registrate con il mio nome. Andavo in onda presentando i discorsi con le parole "Europa chiama – Ezra Pound parla".
Nel 1942, ho inventato un personaggio immaginario che chiamai "L'imperialista americano". Per quanto io sappia ho scritto tutte le trasmissioni fatte sotto il nome "dell'Imperialista americano". Varie persone leggevano gli articoli che scrivevo sotto il nome di Imperialista americano. Credo che il Principe Ranieri San Faustino sia andato in onda per leggerne o annunciarne alcuni.
Nel 1942 e 1943 alcune delle registrazioni che avevo fatto per il ministero italiano della Cultura Popolare sono state mandate a Berlino nella Germania e trasmesse in onda alla radio tedesca. Ne sono state mandate poche.
L'ultima trasmissione che ho fatto per l'Eiar è andata in onda il 25 luglio 1943. Mi ricordo molto chiaramente la data. Stavo ascoltando il mio discorso a casa a Rapallo. Pochi minuti dopo la fine del mio discorso c'era l'annuncio che Mussolini era stato sconfitto e che il maresciallo Badoglio aveva il controllo del governo italiano. Allora ho smesso di trasmettere per l'Eiar perchè il governo Badoglio "mi licenziò". Comunque, tra luglio e settembre del 1943, ho mandato al principe Ranieri San Faustino quattro o cinque discorsi per la radio sotto il nome di "Piero Mazda". Lui li fece leggere all'Eiar. Questi discorsi erano simili agli altri precedenti che avevo fatto nei quali avevo attaccato il presidente Franklin D. Roosvelt e la Finanziera internazionale in America e altrove che avevano trascinato gli Stati Uniti nella guerra attuale. Ho ricevuto, probabilmente, 300 lire per ciascuno di questi articoli scritti sotto il nome di "Piero Mazda".
Dopo che Badoglio divenne capo del governo italiano, andai a Roma per vedere cosa succedeva, era il primo agosto 1943, e poco dopo tornai a Rapallo. Ritornai a Roma intorno al 6 settembre 1943 e mi incontrai con qualcuno che credo fosse Amilcare Rossi, già ambasciatore italiano per gli Stati Uniti e gli chiesi di andare in onda all'Eiar e parlare con il popolo americano per chiedere di smettere di bombardare le chiese e i bambini d'Italia. Mi disse che non sarrebbe servito a nulla.
Il 10 settembre 1945 ho camminato da Roma a Rieti da dove ho proseguito in treno fino al Tirolo e poi a Rapallo.
Durante l'autunno del 1943 alcuni fascisti formarono un nuovo partito nell'Italia del Nord. Alessandro Pavolini si recò in Germania dove si nominò Segretario del nuovo partito che poi formò il Governo fascista repubblicano.
Più tardi ho scritto a Pavolini e ha invitato a venire al nord se avessi modo di arrivarci e io ho accettato. A Salò, non sono riuscito a incontrare Pavolini, ma ho visto Fernando Mezzasoma che era diventato capo del ministero della Cultura Popolare nel governo repubblicano fascista. Mezzasoma era d'accordo che io andassi a Milano, gli spiegai che anche se l'Italia fosse stata sconfitta io dovevo andare avanti con la mia propaganda economica, e cioè la mia lotta per il rispetto della Costituzione degli Stati Uniti per cui aveva lottato il mio nonno nel 1878 dicendo le stesse cose che stavo dicendo io.
Sono andato a Milano a bordo di un carro bestiame e ho trovato un gran disordine alla Radio Repubblicana Fascista . I tedeschi censuravano tutti i programmi. A Roma mi ero incontrato con un certo colonnello Gödel che faceva parte della sezione inglese dell'Eiar durante gli anni 1942 e 1943. Ho incontrato Gödel durante questa mia visita a Milano e uno dei suoi officiali mi diede 3000 lire come contributo alle mie spese. A Milano, ho rifiutato di andare in onda per parlare con le truppe americane e non sono stato sottoposto a nessuna pressione. Poi sono ritornato a Rapallo.
Intorno a settembre del 1944 ho cominciato a mandare dei brevi articoli a Carl Gödel a Milano. Gli articoli mandati a Gödel come anche quelli mandati alla Radio Fascista Repubblicana a Milano furono dello stesso tenore delle mie trasmissioni radiofoniche del 1942 e 1943.
Circa un anno fa il ministero fascista della Cultura Popolare mi mandò un modulo di impiego da riempire ma ho deciso di non farlo. Continuavano a mandarmi rendiconti che dicevano "allegato è il suo stipendio mensile" e io continuavo a cancellare queste parole e inserivo le parole "per servizi prestati". Ho sempre accettato gli assegni che mi spedivano. Questi assegni furono mandati alla Banca di Lavoro di Venezia e io li incassavo nella Banca di Chiavari di Rapallo. L'ultimo assegno che ricevetti fu nel marzo del 1945. Mi ricordo che durante il 1944 ricevetti una gratifica che aumentò a 11 mila lire la mia paga mensile. Agli inizi del 1945 ebbi un taglio del 10 per cento sull'assegno mensile.
Ammetto che durante le mie trasmissioni sull'Eiar nel 1942 e nel 1943 ho accusato i finanzieri internazionali di New York e altrove di aver complottato per trascinare gli Stati Uniti nella guerra attuale.
Durante il 1942, sono diventato membro del Comitato per Malta che aveva la sua sede generale a Roma e che sponsorizzava l'indipendenza di Malta. L'Impero Britannico è stato una "fogna marcia". Non sono mai stato membro del Partito Fascista, ma in varie occasioni ho fatto il saluto fascista.
Nessuno mi ha mai suggerito ciò che dovessi dire nelle mie trasmissioni radiofoniche durante gli anni 1942 e 1943 né in nessuno altro periodo. Tutte le mie trasmissioni si basavano sulle mie idee e non sono mai stato messo sotto pressione in nessun modo, né direttamente né indirettamente.
Ammetto che dopo l'otto dicembre 1942 ho consigliato nelle mie trasmissioni radiofoniche che il presidente Roosveldt venisse sottoposto a un esame psichiatrico in quanto sembrava lottare contro delle influenze più o meno ipnotiche.
Le condizioni secondo le quali ho parlato durante tutta la guerra erano che non dovevano chiedermi di dire niente contro la mia coscienza né contro i miei doveri da cittadino americano.
Sono disposto a ritornare negli Stati Uniti per essere processato sotto l'accusa di tradimento degli Stati Uniti. Affermerò in tribunale ciò che ho detto in questa dichiarazione perchè è la verità.
firma: Ezra Pound
Testimoni: firma/Ramon Arrizabalena Jr., agente speciale in carico Cic Det, 92.a Divisione Infanteria; firma: Frank Amprim, agente speciale Fbi.
(traduzione di Gabrielle Barfoot)