Trieste si rifà l'immagine. In foto

Bellezze, caratteristiche e originalità della città di Trieste da immortalare a suon di scatti fotografici. E' l'idea su cui si fonda il progetto "Comunicare con le immagini: la fotografia", concorso indetto dal centro commerciale " Il Giulia" in collaborazione con l'agenzia Ippogrifo Group. Partecipare è semplice, non comporta forme di pagamento e risulta aperto a tutti; l'iscrizione avviene direttamente al centro "Il Giulia" o in rete, sul sito www.ilgiulia.ippogrifogroup.com, il portale che ha già iniziato ad ospitare i primi scatti del concorso inaugurato il 15 giugno e che si concluderà il 10 luglio di quest'anno, nell'ambito di una festa in programma nel centro commerciale.
Quattro i settori tematici, cinque al massimo gli elaborati concessi per ogni partecipante. I settori della prima edizione del concorso fotografico corrispondono a luoghi, animali, persone e creatività. L'iniziativa è stata definita dagli organizzatori un vero "concorso di idee", un piccolo laboratorio di colore, spunti, tecnica e interpretazioni per dare risalto all'intero territorio di Trieste, ai suoi angoli più noti o alle nicchie da riscoprire.
L'iniziativa rientra nel novero delle recenti proposte varate da " Il Giulia per Trieste", una forma di supporto alla valorizzazione cittadina attraverso gli appuntamenti sportivi, l'arte e gli aspetti del sociale, le espressioni che traducono idee e aggregazione, di conseguenza anche sviluppo.
Su queste coordinate agisce anche "Comunicare con immagini: la fotografia", concorso che ha affidato il ruolo di vertice della giuria esaminatrice dei lavori ad Alberto Magliozzi, fotografo noto anche all'estero per alcune estemporanee interpretazioni dell'universo femminile. Magliozzi ha lavorato a lungo nel campo della moda e dello spettacolo, pubblicando qualcosa come sei testi sul tema, tra il 1995 e il 2002 ( "Dettagli Moda") e collaborando con alcune delle più famose testate e agenzie internazionali, dalla Reuters al New York Times, passando per la Cnn, la Bcc, Nbc, il Sun e la Bild.
Il fotografo originario di Nettuno ha legato il suo nome anche ad una curiosa forma di contenzioso con la Chiesa, in seguito alla pubblicazione nel 2003 di un calendario dal titolo "Madonne", corredato da immagini di donne nude o seminude, ispirate appunto al culto mariano. L'opera dal sapore trasgressivo non venne compresa in alcuni ambienti cattolici - soprattutto da parte dell'Arcivescovo di Matera, Mons. Ciliberti - ma riuscì invece a ritagliarsi una certa attenzione all'estero, divenendo oggetto di studio in alcune facoltà universitarie di scienze della comunicazione negli Stati Uniti.
Alberto Magliozzi guiderà una commissione esaminatrice dei lavori del concorso triestino composta anche da esperti della comunicazione e membri del centro commerciale "Il Giulia". L'iniziativa chiuderà i battenti nella giornata del 10 luglio, con l'elezione dei vincitori di ogni categoria e la consegna dei premi in buoni acquisto, valevoli naturalmente all'interno del centro commerciale teatro della organizzazione.
Ulteriori informazioni sulle modalità del concorso visitando il sito www.ilgiulia.ippogrifogroup.com
Francesco Cardella