Premiazione dei lettori in grande stile Targhe per i locali più amati

Aria di festa ieri sera per il gran finale di Trieste a Tavolaalla Camera di Commercio. La cerimonia ha visto riuniti i sette lettori vincitori dell'estrazione finale ed altri cinque lettori che si sono aggiudicati gli ultimi premi settimanali, accolti dal direttore del PiccoloSergio Baraldi e dal presidente della Camera di Commercio Antonio Paoletti, assieme ai rappresentanti di vari sponsor dell'iniziativa (Camera di Commercio, Fipe, Bcc Staranzano, Bcc Carso, Costa Crociere, Coop, Avalon, Ottica Inn, Laurenti Stigliani, Fbi1, Cussigh):Beniamino Nobile, Domenico Mafrici, Alessandro Podobnik, Paolo Stigliani, Livio Marchetti, Marco Sutter, Caterina Ziani, Fabio Samsa.Presenti anche i rappresentanti dei ristoranti classificati ai primi posti nelle preferenze, che hanno ricevuto una prestigiosa targa Trieste a Tavola: Giuliana Longo e Marica (Scarpon), Mario Suban (Suban), Silvia Jurman (San Mauro), signor Suraci (Al Lido), Lilli Benussi (Menarosti), Moreno Gelleni e Fabio Salvagno (Ferluga), Elisabetta Corbatti (Furlan), Paolo Polla e Santa Corsetti (Da Pepi), Roberto Surian e Gianni Dobrilovic (la Voliga), Alessandro Milanese e Sergio Jugovac (Nuovo Antico Pavone).
«È stata un'iniziativa di grande rilievo che ha avvicinato di più il giornale alla città» ha notato il direttore del giornale Sergio Baraldi.«Ringrazio tutti i lettori e ristoratori che con affetto e simpatia hanno partecipato a questo concorso» ha aggiunto. «E non sono pochi perché abbiamo registrato più di 6500 schede di partecipazione» ha notato in seguito Fabio Zebochin, direttore commerciale del giornale. Ma al di là degli effetti positivi, dall'accoglienza riscontrata anche tra le istituzioni locali sembra che il concorso abbia creato «tendenza». In altre parole, ci hanno guadagnato non solo i lettori, che hanno scoperto nuovi locali oppure i ristoratori che si sono messi in gioco simpaticamente ogni giorno ma anche gli altri addetti dei settori legati all'accoglienza turistica. Per il presidente della Camera di Commercio Antonio Paoletti, l'iniziativa si è inserita già nelle strategie dell'ente camerale di promozione dell'accoglienza turistica a Trieste. Insomma, il concorso che ha appassionato per quattro settimane l'intera città potrebbe far riflettere non solo le istituzioni ed i ristoratori ma potrebbe dare qualche spunto in più anche per rafforzare l'accoglienza turistica a 360 gradi.(p.g.)