Ruzzier, sulle orme di zio Boniciolli

L'INTERVISTA TRIESTENato a Trieste il 9 febbraio 1993, Michele Ruzzier ha cominciato a giocare a pallacanestro seguendo le orme del papà, ex giocatore di serie C, che lo ha portato sui campi di gioco da piccolino. Le sue caratteristiche principali sono la velocità e il buon tiro da fuori. Chiamato a giocare nella rappresentativa del Friuli Venezia Giulia, in questi giorni è impegnato nel Trofeo delle Regioni, torneo nazionale tra le rappresentative maschili e femminili riservato agli Under 14. Nel tempo libero, come molti suoi coetanei, Michele gioca alla play station soprattutto a NBA Live e guarda la tv.
Segue con molta attenzione il campionato nazionale di basket di serie A e la sua squadra preferita è l'Air Avellino che è allenata da Matteo Boniciolli, zio di Michele. Non ha idoli nel mondo dell'NBA, ma si ispira a un giocatore italiano, Danilo Gallinari, pivot dell'Armani Jeans di Milano che sta disputando un ottimo campionato di serie A a soli 18 anni. Letteralmente pazzo per la pizza e per la pasta con il goulash preparato dalla nonna, Michele frequenta la terza B della scuola media Caprin e nel suo futuro, per adesso, vede solo campi di pallacanestro e palloni a spicchi.
Perché ti sei avvicinato alla pallacanestro?
Ho cominciato a seguire il basket grazie a mio papà che è un ex giocatore di serie C.
Qual è il numero di maglia che indossi e perché lo hai scelto?
Porto il numero 6, ma senza alcuna ragione.
Segui la Pallacanestro Trieste?
Sì, qualche volta.
E chi è il tuo giocatore preferito all'interno dell'Acegas?
Jacopo Valentini.
Hai praticato altri sport oltre alla pallacanestro?
Sì. Ho fatto un po' di nuoto.
Chi è il tuo idolo nel mondo del basket?
Danilo Gallinari dell'Armani.
Cosa fai nel tempo libero?
Gioco alla play station, soprattutto a NBA Live e guardo la televisione.
Segui il campionato di serie A?
Sì, lo seguo.
E qual è la squadra per cui tifi?
Senz'altro l'Air Avellino che è allenata da mio zio.
Qual è il tuo piatto preferito?
La pizza e la pasta con il goulash cucinato dalla nonna.
Cosa farai da grande?
Il giocatore di basket.