Medaglia d'oro al matematico Dal Maso

Importante riconoscimento per Gianni Dal Maso, responsabile del settore di Analisi funzionale della Scuola internazionale superiore di studi avanzati (Sissa). L'Istituto Lombardo Accademia di Scienze e Lettere gli ha conferito, infatti, il Premio Amerio, intitolato al matematico del Politecnico di Milano scomparso nel 2004, che tanto ha contribuito a promuovere le applicazioni della matematica all'ingegneria. Dal Maso è stato premiato con una medaglia d'oro per i contributi di particolare rilievo dati nel campo dell'analisi matematica.
Gianni Dal Maso ha studiato alla Scuola Normale Superiore di Pisa, dove è stato allievo di Ennio De Giorgi, e alla Sissa è docente di Calcolo delle variazioni. È autore di oltre 120 lavori scientifici pubblicati sulle principali riviste internazionali di matematica. Fanno parte del Calcolo delle variazioni - come ha scritto il professore della Scuola di Trieste insieme a De Giorgi sull'Enciclopedia Treccani del Novecento - tutti i problemi in cui si cerca il minimo o il massimo di una certa grandezza. In esso rientrano molte questioni sia di matematica pura sia di matematica applicata alla fisica, all'ingegneria, alla biologia e all'economia.
Per la sua brillante attività di ricerca, Dal Maso ha già ricevuto il Premio Caccioppoli nel 1991 e la medaglia dei XL per la matematica nel 1996. Nel 2002 è stato Lecturer della European Mathematical Society e nel 2003 ha avuto il premio del Ministro per i Beni e le attività culturali per la matematica e la Meccanica. A questi riconoscimenti si aggiunge, ora, la medaglia dell'Istituto Lombardo, fondato nel 1797 da Napoleone Bonaparte su modello dell'Institut de France con il compito di raccogliere le scoperte e perfezionare le arti e le scienze. Che ha avuto tra i suoi presidenti anche Alessandro Volta e Alessandro Manzoni.