L'Alabarda si riprende Galloppa

TRIESTE Ieri pomeriggio, in auto di ritorno da Milano, Werner Seeber aveva accanto a sé un bel regalo per la Triestina 2005/06. Un dono che i tifosi avevano già apprezzato la scorsa stagione, soprattutto nella parte finale, ma che sembrava svanito appena qualche settimana fa. Il regalo risponde al nome di Daniele Galloppa, un passeggero d'eccezione che il direttore generale ha voluto subito portare con sé, forse nel timore che il centrocampista si smaterializzasse all'improvviso.
Alla fine dunque l'accordo con la Roma sulle modalità di rinnovo del prestito dell'azzurrino è stato trovato, il giocatore è stato ben contento di firmare e rimanere ancora a Trieste, dove ha più volte ripetuto di essersi trovato benissimo. L'arrivo di Galloppa, protagonista quest'estate di un ottimo mondiale under 20 in Olanda con la maglia azzurra, sembra aver completato per ora, a meno di sorprese, il centrocampo alabardato. Sia Seeber che il presidente Tonellotto hanno fatto intendere infatti che a questo punto non si cerca più nessun centrocampista. Anche perché ieri è arrivato in ritiro anche l'ultimo della truppa argentina, Luciano Angel De Bruno, il ventisettenne trequartista argentino proveniente dal Lanùs (Paraguay) con esperienze passate nel Talleres e nel Rosario Central. Poi, se capiterà un'occasione, soprattutto riguardo a qualche giocatore svincolato da squadre in difficoltà, si vedrà.
Sempre a proposito di romani, Galloppa dovrebbe essere raggiunto domani mattina in ritiro anche da Alessandro Tulli, che sta finendo a Forlì un programma di rinforzo alla spalla che tanti problemi gli ha dato lo scorso anno. Se il lavoro di ricucitura con Denis Godeas andrà a buon fine, e l'ariete di Medea dovesse davvero restare in alabardato, si può dire che anche il reparto offensivo è al gran completo.
Resta invece ancora in piedi, dopo l'improvviso e imprevisto dietro-front subito venerdì notte da Morris Carrozzieri (poi accasatosi all'Arezzo). il discorso riguardante il difensore centrale. Qui la società alabardata segue varie piste: la principale per adesso è quella riguardante Alessandro Zoppetti, indicato fin dall'inizio come vera alternativa a Carrozzieri. Zoppetti, classe 1979, nato a Castelpurlengo in provincia di Lodi, è un centrale cresciuto nella Cremonese che nonostante i soli 26 anni vanta già una notevole esperienza in cadetteria, avendo vestito le maglie di Reggina, Lecce, Salernitana, Ascoli, Catania e, la scorsa stagione, Treviso. Confermato invece il raffreddamento dell'interesse per Vanoli: secondo quanto valutato dallo staff tecnico dopo la prima settimana di allenamenti, la fascia sinistra del reparto difensivo sembra ben coperta con Macellari, Orlando e Perricone, apparsi tutti in buona condizione e smaniosi di far bene.
Sempre in fermento il fronte portieri: Generoso Rossi è arrivato in ritiro, il presidente è convinto di lui ma non ha fretta di chiudere e si è dato tempo qualche giorno per risolvere tutto. In sostanza, se vengono risolti gli ultimi dettagli e il giocatore conferma di gradire Trieste per il suo rilancio, il contratto potrebbe essere firmato entro la settimana. Il maggior indiziato a partire è sempre Campagnolo, destinazione Cagliari (da dove alcune voci hanno ventilato addirittura l'arrivo di Agazzi, oltre a Campagnolo, alla corte di Tesser). Ma Tonellotto vuole vedere come il portiere di Bassano si riprende dall'operazione al menisco e non ha escluso per ora altre soluzioni, come quella di girare in prestito Tomei.
Antonello Rodio