Maslenica, avanza la ricostruzione del vecchio ponte

ZARA «Fusione» avvenuto del costruendo ponte di Maslenica, nell'entroterra zaratino. Con l'opera di congiungimento delle strutture avanzate dai versanti di Posedarje e Maslenica si è conclusa la fase più delicata dei lavori di ricostruzione del ponte, distrutto da una carica esplosiva il 21 novembre 1991, durante la guerra tra l'esercito croato e i serbi della ex Krajina di Knin. Il ponte, che dovrebbe venire inaugurato prima dell'inizio della prossima estate, sarà lungo 320 metri, largo 10 e mezzo (la carreggiata sarà larga 7 metri), con un'arcata di 155 metri. Il traffico veicolare si svolgerà a 55 metri d'altezza sul mare. Costo dell'opera, sui 53 milioni di kune, circa 7,3 milioni di euro.
Ricordiamo che questo ponte venne edificato tra il 1958 e il 1960 e solo in poche occasioni venne dichiarato inagibile a causa della bora. Quello nuovo, situato a poche centinaia di metri di distanza ed entrato in funzione nella seconda metà degli anni Novanta, è invece particolarmente esposto alle bizze del vento. Ciò fa sì che la nuova struttura, segmento dell'autostrada Zagabria-Spalato, risulti chiusa in media più di 50 giorni all'anno, costringendo gli automobilisti (e dunque anche i turisti) a lunghi e antipatici percorsi alternativi per raggiungere Zara da Fiume e Zagabria e viceversa. Il vecchio-nuovo ponte sarà invece allacciato alla Litoranea adriatica, ossia alla statale D-8 Fiume-Zara.
m.a.