2 giugno, in prefettura la consegna delle medaglie ai reggiani meritevoli

video REGGIO EMILIA. Le celebrazioni per la festa della Repubblica si sono svolte anche nel palazzo del governo sede della prefettura, dove sono state consegnate le onorificenze dell’Ordine “al Merito della Repubblica Italiana”, conferite con decreto del Presidente della Repubblica. Sei complessivamente, attribuite a Maria Rosaria Cardillo, direttrice della Banca d’Italia in pensione; Giorgio Ferri, pensionato e volontario Croce Rossa Italiana e Avis; Corrado Ganassi, dirigente di un istituto di vigilanza; il tenente colonnello della Guardia di Finanza reggiana Lello Pisani; Fabio Rizzo, vice questore vicario di mantova; Andrea Romani, contrammiraglio della Marina che non ha potuto essere presente ieri. Infine è stata consegnata una medaglia d’onore alla memoria alla figlia di Renzo Venturi, di Vezzano sul Crostolo, deportato in un lager nazista.

A Parma il Giardino dei Giusti dedicato a chi non rimase indifferente

video "Il bene ha radici profonde" recita 'iniziativa realizzata dall'istituto Giordani di Parma per ricordare i Giusti delle nazioni e fare della buona memoria una prassi. La scuola, dopo aver affrontato il tema della Shoah, lo sterminio degli Armeni e del popolo Rom, ha approfondito la storia del grande ciclista Gino Bartali, proclamato Giusto dal Museo Yad Vashem di Gerusalemme nel 2013 per aver salvato più di 800 persone di religione ebraica dallo sterminio. Con lui è stata ricordata anche Luisa Minardi (1907-1978), infermiera volontaria della Croce rossa italiana che tra l’estate e la fine di dicembre del 1944 protesse le sorelle Letizia e Gemma Camerini. Il 25 agosto del 2003 lo Yad Vashem l'ha proclamata Giusto tra le nazioni. In loro ricordo piantate due piante di ulivo nel Giardino dei Giusti della scuola. (racas)