Parma, Italia Viva si presenta e prepara la lista per le Regionali

video Esordio ufficiale a Parma di Italia Viva. Nella sede del circolo di lettura in via Melloni il sottosegretario agli Affari europei, Ivan Scalfarotto, ha parlato della possibilità, sempre più concreta, che il partito di Renzi appoggi con una propria lista civica la ricandidatura di Stefano Bonaccini alle elezioni Regionali del 26 gennaio 2020. Ribadita la fedeltà all'attuale Governo: "Il nostro obiettivo sono le elezioni Politiche del 2023" ha detto il deputato renziano. In sala fra i presenti il consigliere comunale di Parma Unita Fabrizio Pezzuto, Gabriella Corsaro, segretario del Pd Oltretorrente, Caterina Bonetti, consigliera comunale del Pd impegnata nella raccolta firme per lo Ius Culturae, Roberto Lisi, ex assessore ubaldiano, Paolo Poletti, Bruno Mambriani, presidente di Acer, l'ex assessora provinciale Tiziana Mozzoni. Hanno dialogato con Scalfarotto Daniela Pittari, consigliera comunale a Medesano, Nicola Cesari, sindaco di Sorbolo Mezzani ed ex segretario provinciale del Pd e Francesco Zanaga, promotore dei Comitati Azione Civile.

Autonomia, scontro fra regioni. Fontana: "Vogliamo scuola e sanità". De Luca: "Così si mina l'unità nazionale"

video Il Forum Ambrosetti di Cernobbio, sul lago di Como, diventa terreno di scontro sull'autonomia differenziata richiesta da Lombardia, Veneto ed Emilia-Romagna. A contrapporsi sono il governatore lombardo Attilio Fontana e quello dell'Emilia-Romagna Stefano Bonaccini (coadiuvato dall'omologo campano Vincenzo De Luca). In mezzo, la caduta del governo giallo-verde e i rapporti di forza mutati del nuovo esecutivo. "Al nuovo governo presenteremo le stesse richieste a partire - dice Fontana - da scuola e sanità. La Lombardia non accetterà mai di avere un'autonomia senza queste due materie". Ma Bonaccini replica: "Veniamo da un governo che non ha concesso neanche l'ombra dell'autonomia. Il nostro modello è meno divisivo (senza regionalizzazione della scuola, ndr), perché ha condizioni che avvicinano di più i diversi punti di vista". "L'intesa si troverà - dice invece Vincenzo De Luca - ma l'importante è tenere i piedi per terra. Se si tocca la scuola si mina l'unità nazionale". Video di Edoardo Bianchi e Andrea Lattanzi