Mr.Selfie, Riccardo Scalise da Mestre a Los Angeles con le sue foto

video Venezia. Ha aperto a Los Angeles il 1° aprile The Museum of Selfie, esposizione interamente dedicata al mondo degli autoscatti. Con una parete italiana. O meglio, veneziana, con venti selfie del mestrino Riccardo Scalise, noto come “Mister Selfie”. "Sono circa quattromila i selfie che ho realizzato nella mia vita», racconta Riccardo. "Quello di cui sono più orgoglioso è quello con Papa Francesco, scattato a Mirandola. Ma anche quelli con il Dalai Lama, Clint Eastwood, Al Pacino e Quentin Tarantino. Il sogno nel cassetto? Michael J. Fox e Barack Obama. Ora che non è più Presidente, è raggiungibile". Qui l'articolo

Venezia boccia Clint Eastwood

video Lo sguardo degli statunitensi, anche dei più illuminati, sulle città del Belpaese contiene sempre una certa dose di stereotipi che gli italiani rifiutano. Non ha effetto eccezione Clint Eastwood con il suo "15.17. Attacco al treno" che ha deluso i veneziani, che commentano: "La solita americanata, l'unica cosa bella del film è la città"

Il meccanico delle Ferrari di Hollywood: "Quando salvai i Rolling Stones in panne"

video L'amicizia con le star di Hollywood, la passione per la Ferrari, il disamore per il moderno mondo dei motori orfano del suono del "dodici cilindri". E' una miniera di aneddoti e di opinioni, anche salaci, Peter Iurilli, 87 anni, che dopo decenni trascorsi negli Stati Uniti è tornato nella sua Castellana Grotte ed è stato ospite al Cinema Galleria di Bari per la proiezione del film documentario Ferrari 312B. Da Steve McQueen a Clint Eastwood, da Paul Newman a Frank Sinatra fino al presidente Ronald Reagan, i grandi d'America affidavano le loro Ferrari alle sue cure. "Come ho iniziato? Provando. Quando sono arrivato a New York negli anni Cinquanta non avevo mai visto una Ferrari", racconta Peter, all'anagrafe Pietro, per gli amici pugliesi Pierino. "Poi sono diventato famoso: una volta a Hollywood - racconta - trovai i Rolling Stones con l'auto in panne. E mi chiesero come contattare un bravo meccanico che gli avevano consigliato: un certo Peter Iurilli" (Antonino Palumbo)

Cannes, Clint Eastwood: "Credevo che 'Gli Spietati' fosse il mio ultimo western e invece..."

video La sala Debussy in piedi ad accogliere Clint Eastwood, l'attore, il regista, la leggenda come lo definisce il direttore Thierry Fremaux, poco prima gli spettatori avevano ingannato l'attesa fischiettando il tema di 'Per un pugno di dollari'. Proiezione ufficiale de 'Gli Spietati' in versione restaurata per Cannes Classic, il regista 86 anni, ha detto di essere molto felice di essere al festival per questo compleanno importante. "Non avevo realizzato che 'Gli Spietati' avesse già 25 anni anche perché a me sembrano passati al massimo 5 anni. Quando ho letto la sceneggiatura allora ho creduto che quello sarebbe stato il mio ultimo western, come in effetti è stato fino ad oggi, ma chissà forse verrà fuori ancora qualcosa".

Tom Hanks e il 'miracolo dell'Hudson': il trailer di 'Sully' di Clint Eastwood

video Tom Hanks è il protagonista di 'Sully', biopic formato da Clint Esatwood dedicato alla figura del pilota di linea "Sully" Sullenberger, che il 15 gennaio 2009 compì il celeberrimo 'miracolo sull'Hudson' facendo atterrare il suo aereo sul fiume in seguito a un'avaria dei motori. Sullenberger riuscì a salvare la vita di tutte le 155 persone a bordo. Il film esce nelle sale l'1 dicembre: oltre ad Hanks fanno parte del cast Laura Linney, Anna Gunn, Aaron Eckhart e Sam Huntington.