Accoltella al collo il rivale, 16enne nei guai

GUASTALLA. Il cerchio delle indagini, attorno all'accoltellatore che ha ferito al collo durante una rissa un giovane suzzarese di 20 anni, si è stretto sempre di più e, a poche ore dal ferimento, avvenuto nell'area a fianco alle piscine dove sorgerà il futuro palazzetto, è stato denunciato.A impressionare il fatto che si tratti di un minorenne. Il ragazzo è residente a Rio Saliceto e, a quanto trapela, sarebbe avvezzo a fare bella mostra della sua abilità nell'utilizzo dei coltelli. È questo l'esito di ore di interrogatori e lavoro serrato da parte dei carabinieri della stazione locale entrati subito in gioco dopo l'aggressione e coordinati dal sostituto procuratore Giulia Stignani. Del resto la decina di giovani coinvolti nella rissa, che ha mobilitato le forze dell'ordine e i soccorritori la notte tra sabato e ieri, sembra fosse composta in buona parte di ragazzini di 16-17 anni.Non è in pericolo di vita, invece, il 20enne colpito al collo dalla coltellata. Una ferita comunque seria che ha richiesto dieci punti di sutura e con una prognosi di guarigione di almeno 25 giorni.Il giovane non è stato ricoverato. Ad affrontarsi sembra siano stati due gruppetti di giovani (in tutto una decina) provenienti uno da Suzzara e l'altro da Rio Saliceto.La miccia si è accesa all'interno del bar delle Piscine, affollato, come ogni sabato sera, di tanti giovani, molti provenienti da fuori Guastalla. Futili i motivi che l'avrebbero innescata: una spinta, la contesa di una ragazza, un qualsiasi altro comportamento avvertito come uno "sgarro". Almeno questo quanto è emerso dai primi risultati delle indagini condotte dai carabinieri.Poi le due opposte fazioni si sarebbero date appuntamento nel piazzale della palestra, che si trova tra le piscine e l'impianto di atletica: un'area comunale che non è ancora videosorvegliata (come invece accade per l'impianto natatorio e l'antistante parcheggio).Lungi dal volere trovare una soluzione amichevole i due gruppi si sono affrontati arrivando presto alle mani ed è qui che è "spuntato" fuori pure un coltello. Nel parapiglia ad avere la peggio il 20enne residente a Suzzara.La vista del sangue deve avere rinsavito qualcuno che ha chiesto aiuto. Sono stati così attivati, in rapida successione, il 118 e i carabinieri di Guastalla.Mentre il giovane veniva soccorso dagli operatori sanitari e condotto in ambulanza all'ospedale di Reggio Emilia i militari dell'Arma erano già al lavoro per identificare i partecipanti alla rissa. Un lavoro immediato e attento anche ai minimi dettagli - raccogliendo testimonianze dirette e visionando i filmati di videosorveglianza della zona - che ha permesso in poche ore di dare un volto e un nome a quasi tutti i giovani coinvolti. Fino a stringere il cerchio attorno al 16enne nei confronti del quale ora gravano pesantissime accuse. --M.F. BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI