Cento tedeschi sull'Appennino lungo i luoghi della Resistenza

reggio emilia. Cento tedeschi in giro per la montagna reggiana. Anche nell'aprile 2019 è in programma l'edizione primaverile dei Sentieri Partigiani di Istoreco, l'iniziativa escursionista che porta visitatori stranieri (in gran parte provenienti dalla Germania) sulle tracce dei luoghi della Resistenza in Appennino. la storiaE come di consueto per la versione di aprile, oggi verrà ripercorso il cammino fatto realmente dalle squadre partigiane nella giornata del 24 aprile 1945: quel giorno, le varie brigate entrarono in città e "liberarono" Reggio Emilia con una giornata di anticipo rispetto all'arrivo delle truppe alleate che avanzavano a gran ritmo dall'Adriatico, conquistando progressivamente le varie città sulla via Emilia da est a ovest. gli incontriNei giorni di Pasquetta e di ieri il gruppo si è dedicato all'Appennino, camminando fra Busana, la Sparavalle e il monte Ventasso, incontrando anche i partigiani Giacomina Castagnetti e Giacomo Notari e girando in diverse aree dove si svolsero operazioni militari dei resistenti e degli alleati, ascoltando i racconti dei protagonisti diretti di quegli anni. la camminataOggi si passa all'ultimo atto, con una camminata aperta a tutte le persone interessate, ripercorrendo la discesa delle varie brigate. Il ritrovo è alle 10.30 al parco Paride Allegri di Vezzano per un rapido saluto con la staffetta partigiana Giovanna Quadreri. Da lì si proseguirà a piedi sino a Botteghe di Albinea e poi si continuerà la marcia lungo i sentieri che portano a Reggio, passando per Canali e per via Tassoni utilizzando sentieri e passaggi sterrati. Il pranzo è al sacco, chi vuole aggregarsi dovrà portarsi da mangiare da casa. L'arrivo in città è previsto alle 15.30 proprio in via Tassoni, per una sosta al cippo che ricorda alcuni caduti del 24 aprile. A seguire, ci sarà una nuova tappa a poche centinaia di metri di distanza, alla parrocchia di San Pellegrino, nella prima sede reggiana del Cln, il Comitato di Liberazione Nazionale. la parte finaleOggi gli spazi parrocchiali ospitano una mostra sul prete partigiano Don Pasquino Borghi, bibbianese parroco di Tapignola di Villa Minozzo, fucilato il 30 gennaio del 1944 al poligono di Reggio assieme ad altri resistenti catturati in montagna. Il programma prevede poi l'entrata in città, dalla zona di San Pellegrino, sino ad arrivare in centro passando per viale Umberto. L'ultima tappa, alle 17, è in piazza Martiri del 7 Luglio, per un omaggio floreale al monumento dedicato ai partigiani. L'ultimo momento condiviso si vivrà alle 18 nella sede di Istoreco in via Dante 11, ai chiostri di San Domenico, con l'aperitivo e la cena. La delegazione tedesca prenderà poi parte alle celebrazioni ufficiali cittadine del 25 aprile, partecipando alla sfilata e alla manifestazione in piazza della mattinata del giorno della Liberazione. --Adr.Ar. BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI